Home Ultime notizie Pratesi, Zecchi, Giorgio Calabrese, Rosa-Clot, Vattani, Bernacchi: i vincitori dell’XI edizione del...

Pratesi, Zecchi, Giorgio Calabrese, Rosa-Clot, Vattani, Bernacchi: i vincitori dell’XI edizione del Premio Acqui Ambiente

La Giuria del Premio Acqui Ambiente, il più importante premio su ambiente e paesaggio in Europa, ha scelto i vincitori dell’XI edizione. La cerimonia di consegna del Premio Acqui Ambiente si terrà domenica 2 luglio, nella cornice di Villa Ottolenghi a Monterosso ad Acqui Terme, a partire dalle ore 17,00.
Questa edizione ha voluto premiare quali “Testimoni dell’Ambiente” (premio nato nel 2011 da un’idea ed un progetto di Carlo Sburlati) tre personalità di rilievo a livello nazionale, provenienti da ambiti diversi ma ugualmente sensibili al tema dell’ambiente: il nutrizionista Giorgio Calabrese, la giornalista Emanuela Rosa-Clot e il diplomatico Umberto Vattani.
Pier Francesco Bernacchi, presidente della Fondazione Nazionale Carlo Collodi riceverà il riconoscimento per il suo lavoro di diffusione della memoria del più grande autore per bambini del mondo e della sua creatura, Pinocchio, assieme allo sforzo di rendere il comune di Collodi la città dei ragazzi, cioè un luogo simbolo, modello e laboratorio di una comunità strutturata sulle esigenze dei bambini.
Vincitori dell’XI edizione, per la sezione opere a stampa, che quest’anno con settantasei volumi in concorso ha segnato il record di partecipanti di tutte le undici edizioni, sono risultati Fulco Pratesi, con il volume In nome del panda. La mia lunga storia d’amore con la Natura, Castelvecchi, e Stefano Zecchi, con il volume Paradiso Occidente. La nostra decadenza e la seduzione della notte, Mondadori.
Una targa speciale verrà consegnata a Paolo Massobrio, Matteo Melchiorre, Emma Moriconi e Gabriele Valle.
Conduttore della manifestazione sarà Mauro Mazza, già Direttore di Rai Uno e del TG2, molto noto per sua verve e la sua abile conduzione delle ultime edizioni dell’Acqui Storia, che intervisterà i premiati di questa edizione e dialogherà con loro e con il pubblico presente.
La cerimonia di premiazione della XI edizione biennale del Premio AcquiAmbiente avrà luogo ad Acqui Terme, nell’area antistante il monumentale Tempio di Herta di Villa Ottolenghi, nel pomeriggio di domenica 2 luglio 2017 alle ore 17, una sede suggestiva ed eccezionalmente rappresentativa sotto l’aspetto naturalistico, artistico e culturale, splendidamente illustrata nel volume di grande formato Villa Ottolenghi Wedekind. Una residenza del Novecento ad Acqui Terme, edito da Umberto Allemandi.
“La Città di Acqui Terme ha l’onore di essere il suggestivo palcoscenico del Premio Acqui Ambiente: accanto al Premio Acqui Storia, costituisce un’importante realtà letteraria che in questi ultimi anni ha nettamente consolidato il suo prestigio ed è divenuta il vanto della Città che lo ospita così come dei prestigiosi sostenitori del Premio, tra i principali la Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e, da quest’anno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che riconoscono costantemente – con il loro sostegno – l’importanza culturale di queste manifestazioni – ha dichiarato il Responsabile Esecutivo del Premio Carlo Sburlati, patron e anima da un decennio anche del più longevo e blasonato Acqui Storia, che ha portato al successo internazionale.

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....