Home Medio Evo Prosperity: Italy 1434. Torna il videogioco ambientato nell'Italia del XV secolo, fra...

Prosperity: Italy 1434. Torna il videogioco ambientato nell’Italia del XV secolo, fra Papato e Impero

Entertainment Game Apps, Ltd. e Medievaleggiando uniscono le proprie forze per riportare il pubblico nell’Italia del 1400 grazie al videogioco Prosperity: Italy 1434. Prosperity: Italy 1434 è stato il primo videogioco, per smartphone e tablet, prodotto da Entertainment Game Apps Ltd. Sviluppato nel 2014, a seguito di una campagna crowdfunding sulla famosa piattaforma Kickstarter, Prosperity ha riscosso subito un incredibile successo di pubblico grazie alla riproposizione fedele di alcuni dati storici all’interno dell’ambiente di gioco.

Adesso, a sette anni di distanza, l’azienda inglese ha deciso di rinnovare totalmente il suo primo titolo e regalare ai suoi utenti la possibilità di immergersi ancora una volta nel rinascimento italiano.

È attesa per il 2022 una nuova release di Prosperity che, per rendere ancora più verosimili i contenuti storici inseriti all’interno del videogioco, si avvarrà della consulenza storica dell’Associazione Culturale Medievaleggiando, composta da un team di storici specializzati proprio nel Medioevo.

«Prosperity – Italy 1434 è un videogioco di strategia ambientato nel Medioevo: il giocatore è chiamato a vestire i panni di un signore che deve trasformare il suo villaggio in una potente fortezza e conquistare i territori vicini. Tra pericoli e minacce di varia natura, come pestilenze, carestie e incursioni nemiche, egli dovrà districarsi con astuzia tra le due grandi potenze che dominarono quell’epoca: l’Impero e il Papato. Lo scenario medievale è minuziosamente ricostruito sia nelle sequenze di battaglia che in quelle di pace, in cui il giocatore può “riposarsi” giocando a dadi o assistendo a uno spettacolo di giullari.» – Maurizio Amoroso, CEO Entertainment Game Apps, Ltd.

Quali novità aspettarsi quindi in questa nuova versione?

Prosperity: Italy 1434 sicuramente ci stupirà per la grafica in 3D ma non è tutto. Il giocatore potrà far parte e vivere le città e gli stati che hanno caratterizzato l’Italia centro settentrionale del 1400. Potrà scegliere di aderire alle potenti famiglie dell’epoca, gestendo città, signori e campagne, studiando le strategie che lo porteranno a vincere i propri vicini. Rimane immutata invece la scelta di parteggiare tra il Papato e l’Impero, che darà il giusto filo da torcere al giocatore.

Nell’Italia del Quattrocento nulla è come sembra e tutto può succedere, è per questo che Prosperity: Italy 1434 si annuncia come un gioco avvincente, verosimile e mai scontato che ci riporterà sul finire del Medioevo e all’interno del quale potremo riscrivere la storia. 

Entertainment Game Apps, Ltd. (EGA) nasce nel 2014 con l’idea di creare videogames in cui la storia e il patrimonio culturale sono i veri protagonisti del gioco. Per questo motivo EGA cura nei minimi particolari i contenuti all’interno dei propri videogiochi grazie alla preziosa collaborazione di ricercatori e istituzioni culturali.

Medievaleggiando è un progetto nato nel maggio 2020 che ha dato vita ad un’associazione culturale sul finire dello stesso anno. Il suo obiettivo è quello di valorizzare il Medioevo in tutte le sue forme, attraverso la divulgazione di questo periodo storico e dei suoi revival, avvalendosi anche della rete di partner che ha costituito nel corso dei nove mesi trascorsi.

- Advertisment -

Articoli popolari

“I capelli sono vita e sono morte”. Le acconciature nel Medioevo

Marino Pagano per “Libero quotidiano” Medioevo, sempre ed ancora medioevo. Medioevo nella testa, se si vuole, sui capelli. Così...

Semmelweis: il medico che voleva salvare le mamme. E che fu cacciato dai suoi colleghi

A Vienna Filippo Semmelweis, medico ungherese di metà Ottocento, capì per primo che una maggiore igiene di chirurghi e ostetrici poteva evitare...

Coppa Volpi, quest’anno a Venezia niente polemiche

Quest’anno il conte Volpi di Misurata ha potuto dormire sonni tranquilli. L’industriale governatore della Tripolitania dal 1921 al 1925, e poi...

“Ogni riferimento è puramente casuale”. Ecco perché i Cingolani odiano la Storia

Il processo dura da decenni, ma motus in fine velocior, per cui non ci stupiamo se ora ciò che prima veniva solo...