Home Risorgimento Quel "fratello d'Italia" chiamato sir James Hudson

Quel “fratello d’Italia” chiamato sir James Hudson

I libri di storia parlano di lui (colpevolmente) poco. È quasi sconosciuto ai più, anche se ha i suoi fan come argomento di nicchia. In realtà è un personaggio senza il quale probabilmente non si sarebbe arrivati a realizzare l’Unità d’Italia. Parliamo di sir James Hudson, ministro plenipotenziario britannico nella Torino dei Savoia tra il 1852 e il 1861, e primo capo missione accreditato presso il nuovo Regno d’Italia tra il 1861 e il 1863. Un diplomatico con i fiocchi, un ambasciatore lungimirante, che il suo superiore, un Lord che non lo amava, ritrasse in una definizione di sapore cinematografico: «L’inglese che era più italiano degli italiani stessi». Per i duecento anni dalla nascita lo ricorda la Fondazione Crt di Torino, con una manifestazione in programma oggi e domani.

.

di Alberto Papuzzo, da del 12 novembre 2010

.

Nato il 2 gennaio 1810 in una famiglia della gentry inglese, figlio cadetto del signore di un maniero a Bessingby nello Yorkshire, membro di club per gentlemen come Arthur’s o Traveller’s (e più tardi accolto nella torinese Società del Whist), paggio reale per re Giorgio IV, al quale somigliava al punto che si diceva ne fosse figlio, Hudson fu diplomatico a Washington, all’Aia e in Brasile, finché nel gennaio del 1852 venne inviato a Torino, dove presentò a Vittorio Emanuele II le credenziali di rappresentante della regina Vittoria. Cavour disse di lui: «Il connaît tout le monde».

A Torino Hudson aveva due tipi di frequentazione: gli uomini politici, con alcuni dei quali – Cavour e D’Azeglio – ebbe rapporti di stretta amicizia, e il mondo dell’arte. Godeva di relazioni con Carlo Marocchetti, scultore torinese chiamato a lavorare anche a Londra, Giovanni Morelli, collezionista che fissò il metodo di attribuzione dei dipinti sulla base di minimi dettagli, Antonio Panizzi, patriota reggiano, esule in Inghilterra dove diresse il British Museum. In più forniva raccomandazioni alla National Gallery per l’acquisto di opere italiane e aveva una famosa collezione, andata perduta Nel 1863 avrebbe dovuto spostarsi a Costantinopoli, ma si dimise dalla diplomazia, rifugiandosi in Toscana, per non lasciare una signora milanese, più giovane, ahimè sposata, Eugenia Vanotti. Le nozze furono possibili soltanto dopo la morte del marito, il 14 settembre 1885. Una settimana più tardi, all’Hotel d’Angleterre di Strasburgo, Hudson moriva di cancro. La salma venne portata a Firenze. I suoi amici italiani erano scomparsi da tempo. La polvere del tempo prese possesso dell’inglese che aveva servito l’Italia più della stessa Inghilterra.

_________________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 15 novembre 2010

- Advertisment -

Articoli popolari

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

“Leggenda esagerata le stragi dei Savoia. Meridione decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...

Le ombre del dopoguerra. Per una storia dell’Anpi (terza parte)

Visto il fallimento del sogno della rivoluzione proletaria, il Pci (e l’Anpi, di conseguenza) pensarono bene di dare alla resistenza comunista...