Home Stampa italiana 1 Napolitano richiama Durnwalder: "sia rappresentante di tutti"

Napolitano richiama Durnwalder: “sia rappresentante di tutti”

“Sorpresa e rammarico”. Le ha espresse il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in una lettera inviata al presidente della Provincia Autonoma di Bolzano Luis Durnwalder per la decisione di non aderire alle celebrazioni del 150 dell’Unità d’Italia. Il capo dello Stato, si legge in una nota del Quirinale, ha “rilevato” che Durnwalder non può parlare a nome di una “pretesa ‘minoranza austriaca’” e ha sottolineato la propria “fiducia che l’intera popolazione” della provincia si riconosca nelle celebrazioni.

.

da Repubblica dell’11 febbraio 2011 Repubblica.it: il quotidiano online con tutte le notizie in tempo reale.

.

Nella lettera il Presidente scrive che Durnwalder dimentica “di rappresentare anche le popolazioni di lingua italiana e ladina, e soprattutto che la stessa popolazione di lingua tedesca è italiana e tale si sente nella sua larga maggioranza”.

Al Presidente della Repubblica, Luis Durnwalder risponde annunciando la sua assenza alle celebrazioni. “Il gruppo linguistico tedesco non ha nulla da festeggiare”, dice il governatore altoatesino, “Nel 1861 l’Alto Adige non faceva parte dell’ Italia e nel 1919 non ci è stato chiesto se volevamo fare parte dello Stato italiano. Per questo non parteciperò ai festeggiamenti”. E conclude: “Gli assessori italiani sono liberi di festeggiare l’unità d’Italia, ma non in rappresentanza della Provincia autonoma”.

Spiega l’esponente altoatesino: “Scriverò al presidente Napolitano per illustrare i motivi per i quali non parteciperò alle celebrazioni. I sudtirolesi hanno sofferto molto tra gli anni Venti e gli anni Cinquanta, non vedo veramente giustificazioni per festeggiare questa ricorrenza”. Il governatore dice di aver ricevuto molte lettere di cittadini che condividono la sua scelta.

“Di certo – prosegue – molti altoatesini di lingua tedesca e ladina non accetterebbero una mia partecipazione. Sono anche convinto che gran parte della popolazione di lingua italiana capisca la mia decisione”. Durnwalder sottolinea che “gli assessori italiani sono certamente liberi di festeggiare l’unità d’Italia. Non delegherò al mio vice la rappresentanza della Provincia autonoma, perchè a questo punto ci potrei anche andare io stesso”.

RISVOLTI SUL TURISMO
In seguito alla polemica Napolitano-Durwalder, sono decine le mail arrivate all’Azienda di soggiorno di Bolzano e all’assessore provinciale al turismo Hans Berger, che di mestiere fa l’albergatore, contro la decisione della giunta provinciale di disertare le celebrazioni. Il timore tra gli operatori turistici della zona è che dopo le proteste possano arrivare le disdette e che clienti affezionati alle montagne dell’Alto Adige quest’estate scelgano un’altra meta.

____________________________

Inserito su www.storiainrete.com l’11 febbraio 2011

- Advertisment -

Articoli popolari

Apologie. Omaggio a Rosa Luxemburg, “Rosa della Libertà”

Chi mi conosce sa che da moltissimi anni non ho più manifestato posizioni di simpatia o di comprensione nei confronti della...

1947: il PCI voleva che l’Italia si tenesse le sue colonie

di Pierluigi Romeo di Colloredo-Mels - da Storia In Rete n. 178 - gennaio-febbraio 2021 Mentre sull’onda dei vandalismi...

PCI 1921-’21. Perché non abbiamo bisogno di una Norimberga per il Comunismo

Cento anni fa nasceva il Partito Comunista Italiano. Lo ricordano non tantissimi, e fra questi soprattutto i nostalgici (pochi) e gli...

Ufo, la Cia svela migliaia di dossier governativi

di Roberto Vivaldelli - da Il Giornale del 15/01/2021 Migliaia di documenti declassificati della Cia sui cosiddetti Ufo - oggetti...