Home Storia militare Riemerge dagli abissi il relitto del sommergibile HMS E5

Riemerge dagli abissi il relitto del sommergibile HMS E5

Giusto cent’anni dopo la sua scomparsa, riemerge dagli abissi della storia il primo sommergibile inglese ad aver lanciato un siluro durante la Grande Guerra. Non ha nome, perché la Marina britannica non ne darà ai sommergibili almeno fino al 1942, ma ha avuto un destino tragico.
di Giovanni Vasso per Storia in Rete del 28 novembre 2016
Era letteralmente scomparso il 7 marzo del 1916, nel pieno della Prima guerra mondiale. L’ipotesi che finora s’era fatta (e che tuttora resta in piedi) sul destino del HMS E5, sigla identificativa del mezzo, era che avesse urtato una mina durante le operazioni di salvataggio dell’equipaggio del peschereccio Resono. Si era poi pensato che il sommergibile potesse essere stato affondato durante gli scontri con imbarcazioni da guerra tedesche, ma questa pista è stata letteralmente spazzata via dal ritrovamento avvenuto al largo dell’isola olandese di Schiermoonnikoog: lo scafo, infatti, è intatto.
Inoltre, i sub hanno notato e riportato che c’erano porte e boccaporti aperti, sicuramente in un disperato tentativo di salvezza da parte dei militari e dei marinai a bordo del sottomarino che speravano così di guadagnarsi una via di fuga.
Come ha detto al Daily Mail Remy Luttik, responsabile del gruppo d’archeologi marini dello Zeester Diving Team: “Abbiamo riportato alla luce un pezzo di storia del Mare del Nord, adesso le famiglie delle persone scomparse potranno avere finalmente pace”.
La costruzione del sommergibile HMS E5 fu commissionata dalla Marina britannica nel giugno del 1913. E venne subito funestata da una drammatica esplosione in cui persero la vita diversi membri della squadra di progettisti impegnata nella costruzione del sommergibile. Era il primo battello “armato” e in grado di lanciare siluri.

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....