Home Stampa italiana 1 Scempio ai Fori Imperiali: colata di asfalto al posto dei sampietrini

Scempio ai Fori Imperiali: colata di asfalto al posto dei sampietrini

Una colata di asfalto decisamente poco intonata a bellezze archeologiche patrimonio dell’Unesco. Ma tant’è. In via dei Fori Imperiali, nel tratto tra la fermata della metro a Largo Corrado Ricci, i sampietrini non ci sono più. Il consorzio metro C, come da accordi con il Campidoglio, ha ricoperto la strada post scavi con del semplice bitume. Da questa notte il risultato è quello che vedete in foto. Niente pavè, troppo costoso.

da RomaToday del 4 dicembre 2015

Una soluzione per risparmiare che è comunque provvisoria, si intende. Dovendo tornare prossimamente a scavare negli stessi luoghi, ripristinare i sampietrini per poi toglierli e rimetterli una seconda volta è forse parso un po’ uno spreco. Ma il punto è, provvisorio quanto?

I tempi della terza linea metropolitana sono cosa nota. Slittano di mese in mese tra pagamenti arretrati e blocchi dei cantieri. Per San Giovanni si parla, forse, di apertura a Giubileo finito. Ma il nodo di scambio al Colosseo non lo vedremo certo prima del 2020. E l’asfalto rimane lì, non è chiaro quanto. Sicuramente accoglierà i pellegrini per l’Anno Santo.

“Un altro scempio che si aggiunge a un’area già messa a dura prova, con il muro di Cederna distrutto e il giardino di Villa Rivaldi sventrato, i monumenti imbracati per evitare crollli, sembra un luogo apocalittico. Fossi un turista mi spaventerei”. A commentare il paesaggio quasi industriale tra cantieri aperti, terreni sbancati, ruspe in bella vista, la consigliera del I municipio, Nathalie Naim. “E’ assurdo che con appalti milionari non ci siano i soldi per rimettere almeno i sampietrini. Va bene che si tratta di una copertura provvisoria, ma almeno per un luogo come i Fori Imperiali si poteva fare decisamente meglio”.

 

VUOI SAPERNE DI PIU’ SULLA DEVASTAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO DEL NOVECENTO A ROMA?

LEGGI L’INCHIESTA SUL MUSEO DELLA CIVILTA’ ROMANA NEL NUMERO DI NOVEMBRE-DICEMBRE DI STORIA IN RETE!!

- Advertisment -

Articoli popolari

Dittatura digitale: ecco come ci stiamo consegnando al mondo delle macchine (e a chi le controlla)

“I mass media soffocano la diversità. Tutto viene a scarseggiare, tranne i dieci libri, i dieci dischi più venduti, i film...

Chiese distrutte tra Francia, Belgio, Inghilterra e Cile

Nel giugno 2020 i lavori di riqualificazione di un collegio universitario a Lille, Alta Francia, raggiungevano oltralpe rilevanza nazionale: oggetto del...

Genocidio armeno: forum a cura di “Arsenale delle idee”, in diretta FB, lunedì 12 ore 19

Lunedì 12 aprile 2021, alle ore 19.00 sulla pagina Fb dell’ Arsenale delle idee il forum: “Armeni: il genocidio negato” a partire dal...

Armeni, il genocidio negato, su Storia in Rete n. 180, aprile 2021

Centinaia di migliaia di morti, forse quasi un milione e mezzo. Un'intera civiltà cancellata dalle terre dove viveva da tremila anni....