Home Ultime notizie Scuola inglese a pezzi: i bambini credono che Churchill sia un cane...

Scuola inglese a pezzi: i bambini credono che Churchill sia un cane della pubblicità…

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Un grido d’allarme sullo stato della cultura media nei giovani britannici è stato lanciato da Katherine Birbalsingh, già insegnante, studiosa dei problemi scolastici e scrittrice, in una conferenza presso la “Sir John Cass’s Foundation” che ha avuto grande risalto sulla stampa inglese.

I bambini in età scolare della Gran Bretagna pensano che Winston Churchill sia il cane di un cartone animato di un carosello pubblicitario oppure non sanno distinguere fra Parigi e la Francia. “La colpa di questa situazione è nell’insistere su un’educazione leggera” – ha dichiarato la Birbalsingh – “Negli ultimi trent’anni il concetto di insegnare conoscenza nelle nostre classi è letteralmente scomparso. Insegnare fatti storici o liste di parole che devono fare affidamento sulla memorizzazione è considerato fuori moda. Al contrario, pensiamo che sia meglio ispirare i ragazzi ad essere creativi attraverso discussioni di gruppo e lavori collettivi. Il problema è che le conoscenze di base sono assolutamente necessarie per consentire ai bambini di assorbire nuove idee”.

_________________

Inserito su www.storiainrete.com il 13 ottobre 2011

- Advertisment -

Articoli popolari

Fake news prima dell’era social: la stampa e la Guerra del Golfo del ’91

Il 17 gennaio 1991 scattava l'operazione militare "Tempesta nel Deserto" la più grande operazione militare Usa dalla Seconda guerra mondiale. Proprio il 17 gennaio...

Ecco l”ultimo “crimine” del generale Patton

da Barbadillo.it - del 18 marzo 2015 Vorrei denunciare un recente crimine di guerra, ancora una volta a...

Mosca: chiuso il ristorante-kebab dedicato a Stalin

Giuseppe D'Amato per "Il Messaggero" del 14 gennaio 2021 Hanno chiuso il fast food Stal'in, i nostalgici del vecchio regime...

Dalle Foibe all’Esodo. Il nuovo speciale di Storia in Rete in edicola e pdf

In edicola e in PDF è disponibile il nuovo speciale monografico di "Storia in Rete", dedicato alle questioni della frontiera orientale...