Home In primo piano Togliatti su Nagy: "giustiziatelo ma dopo le elezioni in Italia".

Togliatti su Nagy: “giustiziatelo ma dopo le elezioni in Italia”.

Delle colpe di Togliatti, detto Il Migliore dai suoi compagni, si sa ormai tutto o quasi. Ne ricorda alcune meno note Romano Pietrosanti nella recente biografia dedicata a Imre Nagy (Le Monnier), capo del governo ungherese dopo la rivolta libertaria del 1956 repressa nel sangue dai sovietici. Il 30 ottobre di quell’anno, il leader comunista italiano scriveva al Comitato centrale del PCUS invitando i sovietici, che erano divisi sulla opportunità di proseguire nell’occupazione, a non desistere per non compromettere l’unità del movimento comunista. Non solo.

Un anno dopo la vita di Nagy era ormai in pericolo. Il 10 novembre del 1957 sempre Togliatti, incontrando a Mosca Jànos Kàdàr, nuovo capo del governo ungherese filosovietico, non spese una parola per la sua salvezza. Chiese solo che l’esecuzione avvenisse dopo le elezioni italiane del 25 maggio dell’anno successivo. Richiesta soddisfatta. Nagy fu giustiziato il 16 giugno del 1958. Come rifiutare un piacere al Migliore?

di Aldo G. Ricci per Storia in Rete Storia In Rete - Il sito ufficiale di Storia In Rete

- Advertisment -

Articoli popolari

Genocidio armeno: il forum dell’ Arsenale delle idee

Ecco il video integrale del Forum organizzato il 12 aprile 2021 dall'associazione "Arsenale delle idee" per presentare il numero 180 di...

Bellocchio farà il film sul bimbo ebreo “sequestrato” da Pio IX

Steven Spielberg ne aveva perseguito il sogno per diversi anni, ma tre anni fa ha gettato la spugna per la mancanza di...

Non è opportuno ricordare vittorie ed eroi della Marina militare italiana?

di Lorenzo Vita - da "Destra.it" del 29 marzo 2021 Negli anni 50,...

Addio mia bella addio! Riscopriamo l’epopea del nostro Risorgimento

di Alessandro Rivali da Il Sussidiario - 9 maggio 2020 La storia militare in Italia non gode di...