Home Stampa italiana 2 Turchia: proteste per sceneggiato TV su Solimano il Magnifico

Turchia: proteste per sceneggiato TV su Solimano il Magnifico

Un sultano immorale, dedito alle sue concubine più che all’impero e irrispettoso del sacro divieto di non bere alcol, nonostante come Califfo rappresentasse la più alta autorità religiosa. Sono i punti controversi di “The Magnificent Century”, la serie televisiva dedicata a Solimano il Magnifico (il sultano che ha regnato più a lungo), andata in onda qualche giorno fa in Turchia e già diventata un caso in tutto il paese.
.
da La Repubblica.it del 10 gennaio 2011, a cura di Pasquale Notargiacomo la Repubblica.it
.
Dopo la prima puntata della fiction, trasmessa dal canale Show Tv, il Supremo Consiglio per la Radio e la Tv ha ricevuto 75mila lamentele di spettatori indignati per la rappresentazione “indecente” ed “edonista” della dinastia ottomana.
Mentre gli storici discutono sulla ricostruzione proposta dagli autori e si dibatte sui mezzi di informazione, il caso ha scatenato anche reazioni politiche. “Seicento anni di impero non sono stati costruiti sull’harem”, ha detto Suat Kiliç, il capo dei deputati del partito di governo, AKP. Le formazioni più nazionaliste sono scese in piazza, con un sit in vicino al mausoleo di Solimano, adiacente alla moschea che porta il suo nome, una delle più imponenti di Istanbul. Un altro gruppo ha protestato tirando uova contro l’edificio dell’emittente televisiva. Anche il vice primo ministro Bülent Arinç ha espresso “preoccupazione e tristezza”, promettendo l’intervento del governo.

Un sultano immorale, dedito alle sue concubine più che all’impero e irrispettoso del sacro divieto di non bere alcol, nonostante come Califfo rappresentasse la più alta autorità religiosa. Sono i punti controversi di “The Magnificent Century, la serie televisiva dedicata a Solimano il Magnifico (il sultano che ha regnato più a lungo), andata in onda qualche giorno fa in Turchia e già diventata un caso in tutto il paese. Dopo la prima puntata della fiction, trasmessa dal canale Show Tv, il Supremo Consiglio per la Radio e la Tv ha ricevuto 75mila lamentele di spettatori indignati per la rappresentazione “indecente” ed “edonista” della dinastia ottomana.
Mentre gli storici discutono sulla ricostruzione proposta dagli autori e si dibatte sui mezzi di informazione, il caso ha scatenato anche reazioni politiche. “Seicento anni di impero non sono stati costruiti sull’harem”, ha detto Suat Kiliç, il capo dei deputati del partito di governo, AKP. Le formazioni più nazionaliste sono scese in piazza, con un sit in vicino al mausoleo di Solimano, adiacente alla moschea che porta il suo nome, una delle più imponenti di Istanbul. Un altro gruppo ha protestato tirando uova contro l’edificio dell’emittente televisiva. Anche il vice primo ministro Bülent Arinç ha espresso “preoccupazione e tristezza”, promettendo l’intervento del governo.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Vrde29z0Glg[/youtube]

- Advertisment -

Articoli popolari

La vera patria degli 007? La Venezia rinascimentale

Un saggio di Ioanna Iordanou racconta la "Serenissima" nascita dei servizi segreti di Matteo Sacchi da Il Giornale del...

La romanizzazione delle colonie in epoca fascista

Il destino di Roma? Civilizzare e pacificare le nazioni. Ma perché in epoca fascista si usava spesso il vocabolo “romanamente”? Semplicemente perché...

Cofrancesco: sulla Storia del ‘900 è gara a chi la spara più grossa…

di Dino Cofrancesco dal Huffington Post del 30 gennaio 2021 Il dovere della memoria nel nostro paese ―...

Cancel culture a San Francisco: il nome di Lincoln resta per evitare una causa

Il direttivo del distretto scolastico di San Francisco il 5 aprile scorso ha votato all'unanimità per annullare la decisione presa a...