Home Blog Vaccini e assistenza sanitaria per i coloni italiani in partenza per l'Africa

Italia coloniale

Vaccini e assistenza sanitaria per i coloni italiani in partenza per l’Africa

Colonizzazione di popolo. Così era definito il sistema di colonizzazione italiano. Atipico per gli altri stati europei che mai trasferirono grandi masse di propri lavoratori nei territori africani. Ma questo sistema di colonizzazione economica e demografica necessitava di un gravoso sistema di assistenza materiale.

Primariamente dovette essere disciplinato e organizzato il movimento migratorio. Venne appositamente creato il Commissariato per le Migrazioni e la Colonizzazione per assistere i lavoratori italiani e creare i servizi necessari. La scelta degli uomini capaci e utili al lavoro veniva disimpegnata tramite istruttoria dagli Uffici Provinciali di Collocamento. Una successiva selezione avveniva al momento dell’imbarco sui piroscafi analizzando le condizioni sanitarie e la verifica della qualifica professionale dichiarata.
“Infatti, per poter più agevolmente sopportare il disagio di un cambiamento così repentino di abitudini e di clima e per poter essere in condizioni di dare un pieno rendimento di lavoro, è necessario inviare in Africa non solo dei provetti e capaci operai, ma anche degli elementi fisicamente ottimi”1.
Prima della partenza a tutti i lavoratori venivano praticate le vaccinazioni contro il pericolo di malattie infettive come vaiolo, tifo, paratifo e colera.
L’assistenza sanitaria veniva fornita dal momento della partenza fino al momento del rimpatrio e anche oltre, sempre attraverso il Commissariato Migrazioni e Colonizzazione oltre che dalla Casse Mutue, che avevano creato ad Aversa un ospedale appositamente dedicati ai lavori che rientravano malati dalle colonie.

NOTE
1. da R. Liguori, L’assistenza materiale e spirituale al lavoratore italiano in Africa, in Africa Italiana, Gennaio 1940

ARTICOLI DI APPROFONDIMENTO
1931. Le leggi del Ventennio per normare e tutelare le migrazioni
1933. L’Italia non permetteva agli italiani nullatenenti di emigrare nelle colonie
“Quando eravamo noi ad emigrare”. La strumentalizzazione di un luogo comune per giustificare il racket dell’immigrazione
La donna in colonia. I vademecum per emigrare nell’Africa italiana

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

DALLO STESSO AUTORE

Semmelweis: il medico che voleva salvare le mamme. E che fu cacciato dai suoi colleghi

A Vienna Filippo Semmelweis, medico ungherese di metà Ottocento, capì per primo che una maggiore igiene di chirurghi e ostetrici poteva evitare...

Coppa Volpi, quest’anno a Venezia niente polemiche

Quest’anno il conte Volpi di Misurata ha potuto dormire sonni tranquilli. L’industriale governatore della Tripolitania dal 1921 al 1925, e poi...

“Ogni riferimento è puramente casuale”. Ecco perché i Cingolani odiano la Storia

Il processo dura da decenni, ma motus in fine velocior, per cui non ci stupiamo se ora ciò che prima veniva solo...