Home In primo piano Via Rasella: Pippo Baudo contro la vulgata fa infuriare l'ANPI

Via Rasella: Pippo Baudo contro la vulgata fa infuriare l’ANPI

Via Rasella attentato e non atto di guerra. Episodio dove i partigiani non brillarono certo per eroismo causando la rappresaglia delle Fosse Ardeatine. La polemica l’ha innescata Pippo Baudo, attirando su di sé gli strali dell’Anpi che ha criticato il servizio sulle Fosse Ardeatine proposto lunedì 8 luglio nella trasmissione Il viaggio, in onda in prima serata su Rai3.

da Il Secolo d’Italia del 10 luglio 2013 Secolo d'Italia

Nella puntata Baudo ha intervistato il maggiore dell’Esercito Italiano, Francesco Sardone a proposito dell’eccidio di via Rasella e la ricostruzione non è piaciuta ai partigiani italiani: quelli dell’Anpi accusano Baudo e la sua trasmissione di avere presentato l’episodio come un attentato terroristico e non come “legittimo atto di guerra”. “Purtroppo – afferma l’Anpi – ancora una volta, parlando di via Rasella, si sono rappresentati i fatti come se si fosse trattato di un attentato terroristico, e non di una ‘legittima azione di guerra partigiana’, come è stato riconosciuto più volte dalla Corte di Cassazione italiana e da numerosi tribunali”. “Qui si gioca con le parole”, replica il conduttore e nega di avere mai usato l’espressione terrorismo. E poi incalza il conduttore: “Allora parliamo di attentato, lo era sì o no? I nazisti, che hanno tutta la mia disistima per quello che hanno compiuto nel mondo, facevano pattugliamento. I partigiani sapevano che la reazione dei tedeschi sarebbe stata uno a dieci? Purtroppo che questa rappresaglia nazista ci sarebbe stata era noto perché c’erano manifesti su tutti i muri di Roma, come ha spiegato bene il maggiore Sardone”.

L’Anpi sostiene anche che “parlando della rappresaglia, le domande di Baudo sembrano legittimare le presunte leggi di guerra, solo in parte spiegate dal maggiore dell’Esercito, continuando a diffondere l’idea sbagliata che si potessero uccidere 10 persone per ogni militare morto”. Purtroppo questa “è una spina dolorosa che si trascina nel tempo” replica Baudo ma “una volta che sai – continua – che la tua azione, per quanto eroica, contribuirà a far ammazzare 335 persone o hai il coraggio di dire ‘sono stato io’ e ti immoli o verranno uccisi degli innocenti. L’esempio più calzante è quello del vice brigadiere dei carabinieri Salvo d’Acquisto che si è immolato” facendosi ammazzare dai nazisti per salvare la vita a 22 persone. E all’Anpi che gli ricorda che la verità su via Rasella è stata stabilita dai tribunali Baudo replica così: “C’è – dice – il tribunale della storia e il tribunale della morale che è un’altra cosa. Nessuno si è immolato per salvare queste vittime. Io sono per i partigiani e quello che hanno fatto in Italia è eroico ma in questo caso un atto di eroismo in più ci stava”.

__________________

VUOI SAPERNE DI PIU’?

Storia in Rete n. 41 Storia in Rete n.42 Storia in Rete n. 80

- Advertisment -

Articoli popolari

Cofrancesco: sulla Storia del ‘900 è gara a chi la spara più grossa…

di Dino Cofrancesco dal Huffington Post del 30 gennaio 2021 Il dovere della memoria nel nostro paese ―...

Cancel culture a San Francisco: il nome di Lincoln resta per evitare una causa

Il direttivo del distretto scolastico di San Francisco il 5 aprile scorso ha votato all'unanimità per annullare la decisione presa a...

Putsch in the USA

Forse non tutti sanno che anche gli U.S.A., negli anni Trenta, hanno rischiato di finire sotto una dittatura militare. La storia...

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...