Jesse Owens: il vero razzista con lui fu Roosevelt, non Hitler

2 gennaio

«Race», in uscita a febbraio, fedele alla tesi che Jesse raccontò (inascoltato). Smentita dalla figlia Marlene la bugia del Führer che non volle stringergli la mano, fu invece evitato dall’allora presidente Usa Franklin Delano Roosevelt.

di Gaia Piccardi dal Corriere della Sera del 2 gennaio 2016

L’atletica con il mal di testa – il neopresidente Seb Coe sempre più accerchiato, la Russia fuori sine die dalle competizioni internazionali, lo scandalo doping che sta per abbattersi su Kenya e Etiopia, dominatrici delle discipline di resistenza – si aggrappa alla leggenda di Jesse Owens, trentacinque anni dopo la sua morte più viva che mai. È Hollywood, con la collaborazione della figlia Marlene Owens Rankin, a essersi incaricata di un’agiografia, «Race», in uscita il 19 febbraio negli Stati Uniti, che scriverà l’ultima verità storica sulla vita di quello che è considerato il più grande atleta della storia.

Fulcro dell’azione l’Olimpiade di Berlino 1936, dove Owens si mise al collo quattro medaglie d’oro in sette giorni: 100 metri (3 agosto), salto in lungo (4 agosto), 200 metri (5 agosto) e staffetta 4×100 (9 agosto). Il poker del ragazzo prodigio dell’Alabama (poi trasferitosi a Cleveland, Ohio) nella Germania nazista, a Berlino sotto gli occhi del Fuhrer, ha permesso alla stampa mondiale di creare il caso della discriminazione razziale di Owens, detestato dal ministro della propaganda del terzo Reich Joseph Goebbels («L’umanità bianca si dovrebbe vergognare» scrisse nel suo diario) e snobbato da Adolf Hitler, che si sarebbe rifiutato di stringergli la mano. «In realtà, mio padre non si è mai sentito snobbato da Hitler» ha certificato Marlene agli sceneggiatori del film, Joe Shrapnel e Anna Waterhouse, che hanno corretto nel copione il più celebre e antico fraintendimento della storia dello sport. «In retrospettiva, mio padre fu profondamente ferito dal fatto che Franklin Delano Roosevelt, il presidente americano dell’epoca, non l’avesse ricevuto alla Casa Bianca». Per nulla supportato da Avery Brundage, filonazista, all’epoca presidente del Comitato olimpico statunitense (poi numero uno del Cio dal ‘52 al ‘72), Owens si vide cancellare – e mai più riprogrammare – un appuntamento da Roosevelt, impegnato nelle elezioni presidenziali del ‘36 e preoccupato della reazione che avrebbero avuto gli Stati del Sud. Roosevelt verrà rieletto, Owens per reazione si iscriverà tra le file dei repubblicani, facendo campagna elettorale per il candidato Alf Landon.

Ci sono bugie cui siamo troppo affezionati per rinunciarvi. «“Race” è un film che metterà a dura prova l’idea che gli Usa si sono fatti di Jesse Owens» ha scritto The Times. Raccontato sul grande schermo dalla produzione franco-tedesco-canadese, firmato dalla regia dell’australiano Stephen Hopkins, il film è fedele alla narrazione che Jesse Owens ha portato avanti fino alla fine, spesso inascoltato. Di fronte alla vittoria nel lungo contro il migliore atleta tedesco del tempo, Luz Long, si narra che il Führer indispettito se ne sia andato dallo stadio senza degnare di uno sguardo il trionfatore. Falso. «Dopo essere sceso dal podio, passai davanti alla tribuna d’onore per tornare negli spogliatoi. Il Cancelliere mi fissò. Si alzò e mi salutò con un cenno della mano. Io feci altrettanto, rispondendo al saluto. Giornalisti e scrittori dimostrarono cattivo gusto tramandando un’ostilità che, di fatto, non c’era mai stata» scrive nella sua autobiografia «The Jesse Owens Story» (1970). Qualche anno fa l’anziano giornalista tedesco Siegfried Mischner, presente ai Giochi del ’36, diede nuova linfa alla verità raccontando di aver visto con i suoi occhi Hitler stringere la mano a Owens dietro le quinte dell’Olympiastadion: «Owens aveva portato un fotografo e, dopo l’Olimpiade, chiese alla stampa di correggere un errore che si sarebbe trascinato fino ai giorni nostri. Nessuno gli diede retta».

In «Race», il giovane talento canadese Stephan James («Selma, la strada per la libertà») è Jesse Owens. Il cast è solido. Jason Sudeikis è l’ossessivo coach Larry Snyder, Jeremy Irons è l’infido Avery Brundage, William Hurt è Jeremiah Mahoney, potente membro dell’Amateur Athletic Union, a cui per un pelo non riuscì di boicottare i Giochi di Berlino, e Carice van Houten è Leni Riefenstahl. «Era importante che i fatti non fossero riscritti per l’ennesima volta» ha detto Marlene, parlando a nome della Jesse Owens Foundation. Ma spesso un’affascinante menzogna è preferibile alla cruda realtà.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

9 commenti


  1. Balle da fanatici nazisti

    Arold Burma

  2. Evidentemente anche Owens doveva essere un fanatico nazista, visto che la fonte della “balla” e lui stesso…

    emanuele

  3. Oppure la figlia di Owens sarà una fanatica nazista…

    Ernesto

  4. Arold Burma, solito nome fasullo di chi non ha ponte dei pantaloni per firmarsi con nome e cognome, sarà invece il solito pecorone ignorante che si è “formato” una cultura “storico-politica” sui manuali dei centri sociali da strapazzo che ormai sopravvivono, popolati come sono da “eterni figli di papà” putrescenti e viziati, solo in città italiane “governate” da sindaci tanto inutili quanto reazionari ed oscurantisti alla Pisapia o alla De Magistris. Arold Burma, per pietà, ci risparmi i suoi commenti deliranti. La nausea, leggendoli, salirebbe a livelli di guardia.

    Alessandro De Felice

  5. La storia di Owens descritta in “Race” è vera.D’altronde anche l’atleta italiano Arturo Maffei, amico di Owens e testimone oculare del fatto, raccontò che Hitler fu il primo a salutare l’atleta afroamericano sostenendo che:
    “Hitler, arrivato davanti a Owens lo salutò per primo, alzando il braccio destro nel saluto nazista. Owens non poteva certo rispondere con il braccio teso e perciò allungò la mano verso Hitler. Costui, vedendo che Owens gli allungava la mano, abbassò il braccio teso e allungò a sua volta la sua mano verso quella dell’atleta, per stringergliela. Ma proprio in quell’attimo Owens, forse ricordandosi di essere un militare, portò la mano destra alla fronte salutando Hitler con il classico saluto militare mentre il dittatore tedesco rimase per un attimo con la mano tesa” (http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2015/03/jesse-owens-e-la-bufala-della-stretta.html).

    Ovviamente tutto ciò non significa di certo sdoganare o minimizzare i crimini e il razzismo nazisti, ma semplicemente basarsi su una versione della storia più imparziale e veritiera possibile.

    Salvatore

  6. Concordo con Salvatore. Senza “sdoganare o minimizzare” alcunché, la questione del “razzismo” nazionalsocialista ed europeo (con le infinite differenze ed eterogeneità che lo caratterizzavano da nazione a nazione) andrebbe posta, come si poneva negli anni d’oro della storiografia (non propagandistica) degli anni ’70-’80 (anche da parte di studiosi ebrei ormai dimenticati come George Mosse o Zeev Sternell, per non parlare del mutante Arthur Michael Ledeen), sul piano della distinzione tra razzismo spirituale di tipo mediterraneo, europeo, cristiano (leggi “Civiltà Cattolica”) e pagano (che andava dal paganesimo romano ed antico-classico del romanesimo fascista sino al diversissimo odinismo germanico), e razzismo prettamente biologico di marca statunitense ed inglese connesso spesso al metodismo settario protestante del Ku Klux Klan (WASP=White AngloSaxon Protestant) che si connotava ad un tempo in senso antifascista, antiitaliano ed antinegroide. I razzisti statunitensi (pre e post-1942) non avevano capito nulla del razzismo nazionalsocialista hitleriano che si sforzavano di scimmiottare tragicamente sino agli anni ’70. La distinzione tra razzismo spiritualista da un lato e razzismo biologico dall’altro è la chiave interpretativa.

    Alessandro De Felice

  7. Concordo in buona parte con Alessandro, l’unico appunto che posso fare per integrare ancor di più il discorso è che secondo me bisogna anche dire che il razzismo nazionalsocialista, e dopo il 38 parte di quello fascista, si ispirò sia alle concezioni “spiritualiste”(che erano più o meno condivise da pensatori dell’epoca come Evola) che a quelle biologiche derivate specialmente dal darwinismo sociale, e su ciò è interessante il programma Aktion T4 e dell’eugenetica, praticata e propagandata tra l’altro anche negli USA e in Inghilterra.Poi, per quanto riguarda del razzismo statunitense WASP o dei movimenti del “White Power” tipo Ku Klux Klan, è sempre stato effettivamente di stampo biologico/suprematista

    Salvatore

  8. Sottoscrivo quasi in toto quanto riportato da Salvatore. Mi piace citare, in senso filonegroide e filo-afroamericano, la politica fascista sfociata nel bando antischiavista di Emilio De Bono del 1935 contro la politica schiavista di Hailé Selassié, al secolo Tafari Makonnen Woldemikael, e del suo movimento del rastafarianesimo che ebbe nemici, a causa del suo delirante disegno, non solo nell’Italia fascista, ma in tutte le altre etnie africane, Senegal in primis. E come ignorare il sentimento della “negritudine” esaltato da giganti del calibro di Ezra Pound, per non parlare della negritudine di Helene Bertha Amalie Riefenstahl detta Leni? La verità è che un certo mondo ebraico contemporaneo, che non ricerca la verità della distinzione culturale ma solo lo sfruttamento propagandistico dell’industria olocaustica, ha cercato di confondere, con una criminale ed allucinante copertura mediatica totalitaria mondiale, manipolando e sezionando intere epoche ed interi squarci di realtà, le acque con una droga disinformativa, volta ad accomunare antiisraelitismo, antisionismo, antiebraismo, antisemitismo (che non vuol dire nulla perché i semiti sono anche gli arabi e gli islamici), che genera solo una intolleranza culturale orientata 365 giorni all’anno verso la recita di una litanìa ininterrotta ed accaparratrice, ridondante e lacrimosa.

    Alessandro De Felice

  9. Signori vi invito caldamente a dare un’occhiata al seguente documentario della BBC: https://www.youtube.com/watch?v=LEe5ul37Q7g.

    Si tratta di un’intervista al Capitano Eric Melrose Brown, celeberrimo pilota collaudatore della Fleet Air Arm della Royal Navy.Il Capitano Brown, era “l’equivalente scozzese di Hanna Reitsch”. Ebbene Eric Brown, che era presente alle Olimpiadi di Berlino insieme a suo padre Robert Brown, dice che vide Hitler stringere la mano a Jesse Owens (minuto 5:38).

    Naturalmente qualcuno particolarmente illuminato adesso ci rivelerà che in realtà Eric Brown era un agente segreto tedesco, un fervente nazista! E come no!

    Admiral Canoga

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.