Ritorna “Rassegna storica del Risorgimento”. Una buona notizia

2 gennaio

Dopo complesse dispute, affrontati e vinti gli intralci burocratici, è riapparsa, dopo alcuni anni, per la soddisfazione degli studiosi la “Rassegna storica del Risorgimento”, pubblicazione periodica dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano. Il numero speciale per il Centenario (il primo numero apparve nel 1914) consta di ben 480 pagine con articoli dedicati alla Grande Guerra ed ai rapporti internazionali con Francia ed Austria.

di Vincenzo Pacifici da Destra.itdel 28 dicembre 2016

Elio Lodolini ha curato un ampio e dettagliato saggio al “contributo degli archivisti di Stato alla Rassegna storica del Risorgimento” significativo ed eloquente del rapporto o meglio ancora della connessione fondamentale tra gli archivi e l’indagine storica, che in essi e su di essi è fondata.

Il presidente dell’Istituto e direttore della pubblicazione, professor Romano Ugolini, ha intitolato il suo editoriale Chi ha paura del Risorgimento? Cento anni di “libero studio” e “fedeltà al culto del vero”. Ugolini attribuisce “all’uscita […] il senso di una ripresa piena dell’attività dell’Istituto, e quindi di un’iniziativa editoriale che si rilancia in una prospettiva di continuità futura”. Senza esagerazione e con assoluto rispetto della verità Ugolini sottolinea che “ la Rassegna sia di gran lunga la rivista storica più diffusa in Italia, proprio grazie all’elevato numero di Soci che la ricevono, e che sia presente da anni in tutte le principali biblioteche mondiali”.

Dopo aver parlato delle motivazioni “interne” Ugolini si dedica alla spiegazione e all’illustrazione della vita della rivista, che “ha attraversato senza subire eccessive scosse” i momenti cruciali, amari, drammatici e poi nuovi del XX secolo , momenti in cui i valori espressi dal Risorgimento “erano ben presenti e individuabili chiaramente”. Lo studioso, già ordinario nelle Università di Palermo e per lunghi anni di Perugia, rileva – e l’osservazione è ricca di implicazioni – che i docenti, che a partire dai primi del Novecento impartirono la disciplina di “Storia del Risorgimento”, “appartenevano ai più diversi ai più diversi orientamenti politici ed ideologici”.

Affronta poi Ugolini un passaggio delicato, quello del progressivo accantonamento della materia, assorbita fino ad essere cancellata nella “generale definizione di Storia contemporanea”, sancita dalla legge 19 novembre 1990. Il culmine è comunque raggiunto con gli interventi legislativi del ministro Luigi Berlinguer del novembre 1996, che sancivano nei programmi scolastici dell’ultimo anno delle superiori lo studio del solo Novecento. Ugolini non si poteva far sfuggire l’occasione per un commento severo ed equilibrato, provato da allora in mille occasioni della vita quotidiana: “E così, progressivamente è aumentato il numero dei giovani, universitari e non, che ignorano quando è nato il nostro Stato nazionale o che si smarriscono di fronte alla denominazione “XX settembre” attribuita a strade presenti in quasi tutte le città italiane”.

“L’attacco all’età del Risorgimento – continua Ugolini – pianificato nell’ambito legislativo, si estese ben presto al piano ideologico – politico: il Risorgimento era “lo slogan di un movimento politico” che era bene eliminare, dimenticando che la parola, usata in italiano in tutto il mondo, indicava il percorso di una comunità per divenire Nazione e poi Stato nazionale, per farsi poi, successivamente, modello da seguire e da prendere ad esempio nel percorso di diversi Paesi verso la libertà e l’indipendenza”. E pensare che in questi anni, in cui veniva compiuta questa manovra culturalmente involutiva, il governo era nelle mani di una maggioranza, che non sapeva o non meglio non poteva comprendere i momenti della storia nazionale da conservare e da salvaguardare, minata, come era, da una componente secessionista, ancora oggi presente con inalterata arroganza ed insuperabile inconsistenza.

Ugolini conclude con un’osservazione consolante e assolutamente condivisibile: “Un Paese non può distruggere le proprie origini senza perdere identità ed ideali: lo possono fare alcuni professori, ma non la società civile che, come viene ogni giorno dimostrato, è ben legata ai valori e alle eredità della propria storia, anche di quella precedente al 1861”.

Invia ad un amico Invia ad un amico     Stampa questo post Stampa questo post

13 commenti


  1. Nel 1830 tre famiglie piemontesi di strettissima osservanza sabauda vengono incaricate dalla corona di conservare tutti i documenti del Regno. Pochissime persone che dal 1830 al 1921, passandosi il compito di padre in figlio, hanno controllato e gestito biblioteche, archivi e documenti. Le regole sono semplici e chiare: Distruggere tutti i documenti che possono mettere in cattiva luce il Re e la corte. I documenti che non è possibile distruggere ma che potrebbero mettere in cattiva luce il Re e la sua famiglia devono essere rigorosamente secretati e finire in un archivio conservato e gestito esclusivamente dal Comitato. Solo una piccola parte può essere resa pubblica e consultata, ma con discrezione e solo da persone autorizzate e controllate. Tutti gli elaborati, frutto delle ricerche, devono essere sottoposti al controllo preventivo e consultivo del Comitato e solo dopo attenta censura autorizzati alla pubblicazione. Il paradosso è che tutto questo è documentato!
    Con questi presupposti nasce e si afferma l’Istituto per la storia del Risorgimento italiano che da troppi anni drena cospicue risorse economiche al solo scopo di celebrare un mito utile solo alla sua sopravvivenza e di tutti i suoi collaboratori.

    Socrate

  2. Pino Aprile, dopo essersi riciclato in «storico», si è improvvisato in alcune «performance» anche «storico della storiografia». Il commento di “Socrate” non è infatti che la parafrasi di parte di un articolo aprilico comparso il 22-11-2019 sul sito “Libre”. Chi vuole può dunque rintracciare l’originale. Il punto è che in quel testo Aprile riassumeva malamente, e distorcendone il significato ad uso dei suoi seguaci, alcuni saggi di Umberto Levra, che studiavano, e lo dichiaravano esplicitamente, formazione, modelli, istituzioni, esiti e trasformazioni della prima generazione della scuola storiografica «sabaudista», quella per intenderci dell’età carloalbertina continuata poi nella scuola storica “sub specie” moderata. Aprile ne riferiva invece come se Levra parlasse non di quella scuola storica ma dell’intera «storiografia italiana» sul Risorgimento che è realtà enormemente più complessa e articolata, come sanno tutti gli studiosi – dunque i «followers» aprilici non rientrano nella categoria – della storia dell’Italia del XIX secolo. Chi abbia anche solo sfogliato gli indici della «Rassegna storica del Risorgimento» negli ultimi cento anni lo sa già, ad altri è inutile spiegarlo.

    Augusto Marinelli

  3. Marinelli, con la parafrasi aprilica si vuole semplicemente sottolineare a chi e a cosa realmente serve l’Istituto e la relativa rivista.

    Socrate

  4. Credo che i lettori di questa rivista sappiano bene quale conto fare del parere di Aprile e dei suoi seguaci sugli istituti di ricerca.

    Augusto Marinelli

  5. Al netto “del parere di Aprile e dei suoi seguaci” e con il massimo rispetto per gli istituti di ricerca, credo che l’utilità (e forse anche l’attendibilità) dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano non sia sufficiente a giustificare i tanti (troppi) soldi che vengono spesi, utili solo ai soliti noti.

    Socrate

  6. In fondo sulla “Rassegna storica del Risorgimento” hanno scritto dei poveracci, da Francesco Gaudioso a Luigi Bulferetti, da Alfonso Scirocco a Domenico De Marco. Vuoi mettere con la produzione scientifica e le conoscenze storiche di chi ha letto tutti, ma proprio tutti, i “post” su “facebook” di Pino Aprile e per di più senza nemmeno essere retribuito?

    Augusto Marinelli

  7. Marinelli non offenda la sua intelligenza con affermazioni ironiche di pessimo livello. Sa molto bene che nessuno oserebbe affermare che professoroni di tal guisa (anche se prezzolati) dicono sciocchezze.
    Osteggiare il revisionismo è il vero ed unico interesse della casta che si foraggia al mito che contribuisce ad alimentare.

    Socrate

  8. Dunque secondo il soi-disant “Socrate” gli storici dei quali ho fatto il nome dicono sciocchezze ed erano “prezzolati” da qualcuno per scriverle; ma nessuno oserebbe contraddirli. Sarebbe opportuno che questi coraggiosi contestatori dimostrassero che almeno uno di questi studiosi era, secondo la loro accusa, uno storico disonesto e lo facessero esaminando le opere “prezzolate”. In caso contrario potremmo pensare che le loro siano accuse puramente diffamatorie lanciate a scopo propagandistico.
    Quanto allo pesudo-revisionismo neoborbonico, non occorre scomodare l’anima di Bulferetti: a fare le loro sconnesse “bufale” a pezzi, basto perfino io.

    Augusto Marinelli

  9. Marinelli per difendere l’indifendibile veste gli abiti dell’avvocato Azzeccagarbugli stravolgendo completamente il senso del mio intervento. Mi vedo, pertanto, costretto a spiegare meglio il concetto.
    Quando scrivo “nessuno oserebbe affermare” intendo letteralmente nessuno compreso, evidentemente, il sottoscritto. Rilegga attentamente la frase e le sarà chiaro quello che le parole esprimono: nessuno scrive “sciocchezze”. Piuttosto, tanto per essere più esplicito possibile, si espongono fatti presentandoli in modo funzionale al sistema di riferimento.
    Non esiste un “pesudo-revisionismo” esiste il Revisionismo.
    Quanto alle sconnesse “bufale” si vada a rileggere i testi scolastici degli ultimi 100 anni e poi ne riparliamo…

    Socrate

  10. In sintesi, da una parte c’è la comunità scientifica formata da migliaia di storici di varie scuole e tendenze, dall’altra c’è “Socrate” che parla di storici “prezzolati” e prende sul serio le macabre battute di spirito “revisioniste” di Pino Aprile e soci (Il regno borbonico era la terza potenza economica del mondo! Vendeva locomotive agli altri stati italiani! Tra i garibaldini c’erano i criminali della Legione Straniera Ungherese! Nel Sud ci fu un genocidio con centinaia di migliaia di morti, forse un milione! Si ammazzavano i preti e le suore!). Credo che i lettori ormai sappiano bene da che parte stare.

    Augusto Marinelli

  11. Marinelli continua a non capire o peggio a far finta di non capire. La sua “sintesi” infatti tradisce il nervosismo tipico degli arroganti.
    La “comunità scientifica” a lei tanto cara è una entità talmente astratta che chiunque può metterci dentro quello che vuole. E poi, quant’anche fosse uno e solo uno contro tutti, meriterebbe comunque ascolto e rispetto. Ma capisco che far accettare questo semplice concetto è chiedere troppo a chi è abituato ai luoghi comuni, al pensiero unico e al politicamente corretto!
    Le “macabre battute di spirito” volutamente esasperate per metterle in ridicolo, nascondono delle verità spesso nascoste o travisate.
    Il Regno borbonico non era il terzo mondo da salvare o liberare ma un regno ricco e potente da depredare. Al franco savoiardo Benso non interessava nulla del “grido di dolore” ambiva solo al potere a e ai soldi. Gli eroici garibaldini, almeno all’inizio, erano in piccola parte mercenari anche stranieri, tutti gli altri erano effettivi di due battaglioni dei cacciatori delle Alpi smobilitati e in borghese, veterani che avevano combattuto nel 1859 dotati di ottimi fucili moderni ed efficienti di fabbricazione austriaca, prussiana, e francese, forniti sotto banco a caro prezzo da una società del “patriota” Farina. I morti ammazzati del Sud ben più numerosi di tutti i morti delle tre guerre di indipendenza, sono sempre stati etichettati come Briganti al solo scopo di giustificare la mattanza degli eroici piemontesi “liberatori”.
    Attenti l’eccesso di spocchia e supponenza fa male alla Storia ma le persone libere e oneste, quelle si, sanno “bene da che parte stare”.

    Socrate

  12. Solo nel magico mondo neoborbonico un signore dall’attività ignota può pretendere che la sua “opinione” fondata su slogan diffusi da siti propagandistici sia considerata equivalente ai risultati delle ricerche di storici di professione. E di tempo con il sè dicente “Socrate” ne ho perso anche troppo.

    Augusto Marinelli

  13. Complimenti Marinelli, risposta perfetta. Ben 46 parole per non dire nulla. Esattamente come nelle migliaia di pagine ampollose e vacue di certi scritti retorici tanto care agli “storici di professione”. Soprattutto quando si entra nel merito e si espongono fatti e dati difficili da confutare!
    Quanto al tempo mi spiace deluderla, non è mai perso perché, semplicemente, non esiste…

    Socrate

Lascia un commento

*

* Attenzione: i commenti sono moderati. Storia In Rete si riserva la possibilità di non pubblicare commenti offensivi, lesivi dell'altrui reputazione, o comunque contro le leggi in vigore. In ogni caso, i commenti pubblicato non riflettono necessariamente la linea editoriale di Storia In Rete, che si impegna a stimolare e diffondere un dialogo il più possibile rispettoso di tutte le posizioni.