Home Blog 5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L'Etiopia agli occhi...

Italia coloniale

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 – Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio“alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis Abeba.
Il Duce Benito Mussolini annunciava “al popolo italiano e al mondo che la pace” era ristabilita “dopo sette mesi di aspre ostilità” (la guerra era iniziata il 3 Ottobre 1935) e che “col gladio di Roma è la civiltà che trionfa sulla barbarie, la giustizia che trionfa sull’arbitrio crudele, la redenzione dei miseri che trionfa sulla schiavitù millenaria.”
Ma al di là dello storico annuncio del Duce (qui il testo integrale), al quale seguirà il 9 Maggio, quello della dichiarazione dell’Impero, che cosa era l’Etiopia degli anni Trenta? Cosa ne scrivevano i giornali del resto del mondo?
Già solo si consideri che fu l’Italia ad abolire la schiavitù (il 14 Ottobre 1935 ad Adua e il 12 Aprile 1936 a Macallè) in Etiopia, nazione facente parte della Società delle Nazioni.
L’Imperatore d’Etiopia, Hailé Selassié, aveva certo abolito la schiavitù con decreto, ma di fatto restava. Era semplicemente un monarca assoluto in una società ancora feudale, povera a pressoché totalmente analfabeta che doveva considerare “sacra la sua persona, inviolabile la sua dignità, indiscutibile il suo potere” secondo la costituzione.
Infatti l’inglese Evelyn Waugh scriverà, mettendo a confronto l’imperialismo dei bianchi europei con quello abissino: “Gli abissini non avevano nulla da dare, nulla da insegnare ai popoli loro soggetti. Imposero un sistema che era per sua natura micidiale e senza speranza”.
In una memoria dell’8 aprile 1932 del Segretario Parlamentare John H. Harris indirizzata al Foreign Office leggiamo: “Non credo che il nuovo Imperatore sia in grado di conoscere il numero degli schiavi che possiede. A centinaia essi si contano dentro i recinti delle sue terre e delle sue abitazioni. Ogni anno egli riceve doni di schiavetti di ambo i sessi”.
E il giorno seguente, il 9 aprile 1932, dalle colonne del Times tuonava Lord Noel Buxton“La schiavitù in Etiopia va di pari passo con l’assenza di ciò che noi chiamiamo un regime di governo. Essa è in parte il risultato e in parte la causa della debolezza del meccanismo statale che è poco più sviluppato di quello del Medio Evo”.
Mentre il governo francese denunciava alla Società delle Nazioni che in “Etiopia, nonostante gli sforzi di Ailé Selalssié, non si è potuto sopprimere il flagello della schiavitù e della evirazione”.
L’anno dopo, nel 1933, viene pubblicato volume Slavery di Lady Katleen Simon, nel quale scrive: “L’Etiopia è la regione più arretrata del mondo e colà il problema della schiavitù è urgente: sono esseri umani che divengono una semplice proprietà, proprietà che può essere torturata e venduta sul mercato al miglior offerente; si tratta di mogli vendute, separate dai mariti e viceversa; di madri strappate via dai loro figli che divengono proprietà di un altro. Insomma la schiavitù non riconosce neanche la maternità o la paternità e sancisce il diritto di spezzare le famiglie per ragioni di mercato”.
Il giornalista inglese Patrick Balfour ci descrive, sempre nel 1935, l’Abissinia: “Ho visto un popolo, l’etiopico, di civiltà bassissima, in uno stato primitivo di barbarie feudale simile a quello dell’Inghilterra del 1066”.
Mentre la Camera dei Lords, il 17 luglio 1935, denuncia attraverso le parole di Lord Noel Buxton che “l’Etiopia è ancora il principale centro della schiavitù del mondo”.
In un articolo sul Bohemia di Praga, ancora nel 1935, il giornalista tedesco Emil Ludwing scrive: “In tutte le carovaniere d’Etiopia si trovano oggi, come una volta, cadaveri di schiavi caduti per esaurimento, mentre altri muoiono prima, si dice più della metà, in conseguenza dell’evirazione”.
Nello stesso anno l’avventuriero (e spia) Henry de Monfreid pubblica Verso le terre ostili dell’Abissinia nel quale riporta le parole dell’Imperatore d’Etiopia: “Credo l’influenza straniera salutare per il mio popolo […] Il mio Paese è come il palazzo della ‘Bella addormentata nel bosco’, in cui tutto è stazionario da duemila anni […] devo lottare da una parte, contro l’inerzia del mio popolo che preferisce chiudere gli occhi dinnanzi a questa luce violenta, troppo violenta e, dall’altra, contro l’impazienza dei filantropi europei”.
Ed infine si possono ancora citare gli storici inglesi Jones e Monroe che all’inizio della guerra d’Etiopia dichiaravano: “Nessuno dovrebbe avere a ridire sull’espansione italiana, notevole e pressante. L’Italia è una nazione che abbisogna di materie prime per le sue industrie in via di sviluppo e di uno sbocco per la sua popolazione in eccesso. E’ arrivata ultima nella corsa alle colonie e a causa di un governo inefficiente, è stata poco considerata alla conferenza di pace. Le si deve una riparazione”.
Oltre alla schiavitù nell’Etiopia feudale degli anni Trenta vi era “la più assoluta indifferenza per la vita dei lebbrosi e secondo le informazioni dei Consoli di Sua Maestà, oltre centomila vagano liberamente per il paese…” secondo Lord Arnold Hodson ed ancora il professore svizzero Henri Rebeaud, che ha insegnò per tre anni al liceo Tafari di Addis Abeba: “La pulizia delle strade di Addis Abeba è affidata agli avvoltoi, agli sciacalli e alle jene”.
E per concludere le parole del giornalista italiano Paolo Monelli, inviato di guerra in Etiopia: “Arcù. Fu la prima parola che si imparò in Africa Orientale, sbarcandovi nel 1935, soldati, guidatori d’autotreni, scaricatori di porto, operai delle imprese stradali; Arcù, dicevano battendo la mano sulla spalla dell’indigeno; ‘siamo amici’, e ci disprezzavano in cuor loro gli inglesi confinanti, ammonendoci che all’indigeno non si deve professare amicizia né dare confidenza: e poi li pagate troppo e li viziate.”

Non vi è dubbio che l’Italia aggredì militarmente l’Etiopia, occupandola. Ma quali furono le vere cause del conflitto? Scoprilo qui

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

DALLO STESSO AUTORE

La bufala delle accise sulla benzina per la guerra d’Etiopia

La vecchia storia secondo cui in Italia si paghi ancora oggi l’accisa sulla benzina per finanziare la guerra d’Etiopia del 1935-36...

Colonialismo “green”. Nella Somalia italiana del 1929 il primo veicolo ibrido. Risparmi del 90%

Il postulato del programma dell’autarchia fascista per ridurre al minimo le importazioni valeva naturalmente anche per le Colonie. Le ricerche perciò...

Usa: verità sul razzismo, ma l’antirazzismo è ideologico

In un discorso tenuto a Tulsa, Oklahoma, il presidente Joe Biden ha ricordato il massacro dei neri avvenuto 100 anni fa. Ha promesso...