Home Ultime notizie Roma: gli anarchici celebrano Gaetano Bresci... toponomasticamente

Roma: gli anarchici celebrano Gaetano Bresci… toponomasticamente

notizie-dal-mondo-della-storia1.png (90×90)Un gruppo anarchico romano ha “ribattezzato” il 29 luglio 2010 il ponte romano dedicato a re Umberto I di Savoia col nome del suo omicida, l’anarchico Gaetano Bresci. L’iniziativa provocatoria – per il 110° anniversario del regicidio di Monza in cui il sovrano fu ucciso dall’anarchico pratese – è stata realizzata coprendo le targhe toponomastiche con un fac-simile che recita “Ponte Gaetano Bresci – anarchico vendicatore” e srotolando dal ponte ribattezzato uno striscione con su scritto “Contro ogni potere”.
L’atto di Gaetano Bresci è stato ricordato a distanza di 110 anni – recita il comunicato del gruppo anarchico autore del gesto – “per denunciare le condizioni di vita dei precari, dei disoccupati, dei sottoccupati, dei detenuti, dei migranti, dei senza casa e di tutti gli sfruttati e gli oppressi della terra. Gaetano Bresci incarna il bisogno di libertà presente in ogni individuo, allora come oggi. Umberto I rappresenta in maniera violenta e becera il potere detenuto dai governi di tutto il mondo”.

__________________

Inserito su www.storiainrete.com il 29 luglio 2010

- Advertisment -

Articoli popolari

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

“Leggenda esagerata le stragi dei Savoia. Meridione decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...

Le ombre del dopoguerra. Per una storia dell’Anpi (terza parte)

Visto il fallimento del sogno della rivoluzione proletaria, il Pci (e l’Anpi, di conseguenza) pensarono bene di dare alla resistenza comunista...