Home Ultime notizie Benedetto XVI: “i resti nella tomba di Paolo sono veri”

Benedetto XVI: “i resti nella tomba di Paolo sono veri”

Annunciati direttamente dal Pontefice, il 29 giugno scorso sono stati divulgati i risultati della prima ricognizione nella tomba di San Paolo, sotto l’omonima basilica romana. Le analisi e i reperti trovati (frammenti d’ossa, grani d’incenso, un lino laminato d’oro) hanno confermato – ha proclamato Benedetto XVI – la tradizione religiosa di quasi 20 secoli. Tradizione secondo la quale, proprio in quel sarcofago, vengono venerati i resti dell’apostolo delle genti. “Nel sarcofago che non è mai stato aperto in tanti secoli – ha raccontato il Pontefice – è stata praticata una piccolissima perforazione per introdurre una speciale sonda. Inoltre – ha proseguito – piccolissimi frammenti ossei, sottoposti all’esame del carbonio 14 da parte di esperti ignari della loro provenienza, sono risultati appartenere a persona vissuta tra il primo e il secondo secolo”. “Ciò – ha concluso – sembra confermare l’unanime e incontrastata tradizione che si tratti dei resti mortali dell’apostolo Paolo”. Gli Atti degli Apostoli narrano che Paolo fu catturato, su accusa dei giudei a Gerusalemme, a metà del I secolo. In quanto cittadino romano, chiese di essere giudicato a Roma, dove arrivò nel 60-62. San Paolo fu probabilmente liberato e poi arrestato nuovamente: il suo martirio avvenne per decapitazione, come si usava con i cittadini romani, verso il 66-67 sulla via Laurentina, in un posto chiamato allora “le tre taverne” e divenuto oggi “le tre fontane”. Fu sepolto sulla via Ostiense, verosimilmente dove sorge la Basilica di San Paolo Fuori le Mura.

- Advertisment -

Articoli popolari

Putsch in the USA

Forse non tutti sanno che anche gli U.S.A., negli anni Trenta, hanno rischiato di finire sotto una dittatura militare. La storia...

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

Intervista a Messina: “Le stragi dei Savoia? Una leggenda esagerata. E il Meridione fu decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...