Home Ultime notizie Dai satelliti della Guerra Fredda un tesoro per l’archeologia

Dai satelliti della Guerra Fredda un tesoro per l’archeologia

Tell RifaatLe immagini catturate dai satelliti americani durante la Guerra Fredda diventano oggi una miniera per gli archeologi, che hanno a disposizione una specie di camera del tempo che rivela molti siti nel frattempo inurbati o coperti dalla modernità.

Da Giornalettismo del 29 aprile 2014 Giornalettismo

UN TESORO – Il National Geographic ha pubblicato un servizio sui successi ottenuti dagli archeologi una volta che hanno avuto a disposizione le immagini declassificate registrate dai satelliti americani negli anni ’60. Realizzato attraverso l’uso dei satelliti Corona e reso noto solo nel 1993, il programma di foto-mappatura americano restituisce oggi a distanza di mezzo secolo una preziosa e dettagliata ricostruzione della superficie del pianeta com’era allora.

UNA MACCHINA DEL TEMPO – Un particolare aiuto per gli archeologi, che grazie a immagini capaci di riprendere oggetti grandi appena due metri, hanno avuto a disposizione inestimabili immagini di siti che nel frattempo sono mutati drasticamente a causa dell’espansione antropica. Solo nel medioriente è così triplicato il numero di siti archeologici individuati e conosciuti, città antiche, ma anche strade, canali e rovine ormai quasi introvabili anche con dotazioni più potenti.

L’ATLANTE ARCHEOLOGICO – La Society for American Archaeology ha presentato la settimana scorsa Atlante Corona del Medioriente, che rivoluziona la conoscenza della regione considerata culla della civilizzazione e custode delle prime città costruite dall’uomo. L’atlante riporta l’indicazione di molte città delle quali si è o si era persa la memoria storica, alcuni dei quali enormi e completamente sconosciuti, come accade per le intere città e le reti di strade e canali che le servivano.

UN BOOM DI SCOPERTE – Ai circa 4.500 siti conosciuti se ne sono così aggiunti altri 10.000, permettendo tra l’altro di ricostruire geografie e planimetrie dell’epoca. Un set di dati dal valore enorme, registrato dai satelliti spia americani e particolarmente interessante per l’Asia e l’Africa. L’Atlante comprende una minima parte delle 188.000 scattate nel decennio che parte dal 1965, fotografie scattate dai satelliti, poi paracadutate e raccolte al volo dagli aerei e infine sviluppate e assemblate a ricostruire intere regioni.

- Advertisment -

Articoli popolari

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

“Leggenda esagerata le stragi dei Savoia. Meridione decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...

Le ombre del dopoguerra. Per una storia dell’Anpi (terza parte)

Visto il fallimento del sogno della rivoluzione proletaria, il Pci (e l’Anpi, di conseguenza) pensarono bene di dare alla resistenza comunista...