Home Blog "E mò te sfonno". Piccola lezione di storia della sessualità antica

La Locanda di Granito

“E mò te sfonno”. Piccola lezione di storia della sessualità antica

Quando un semicolto incontra uno che ha studiato sul serio, il semicolto è un semicolto morto. E così si busca “du’ schiaffoni de cultura” che vanno a costituire una spassosissima quanto approfondita lezione di storia sulla sessualità degli antichi Greci e Romani e soprattutto sulla figura mitologica di Achille.

Protagonisti di questa vicenda, la disegnatrice Pubble – autrice satirica e di fumetti – e un certo “Bansky di Torino”, sedicente artista di strada. Tutto prende le mosse da un ambito quantomai lontano dalla Storia: le vicende “sentimentali” dei supereroi del fumetto americano, e nella fattispecie Superman e la “svolta” LGBTQWERTY.

Al “Bansky di Torino” non è piaciuta la vignetta satirica di Pubble sull’argomento, e si è permesso di ostentare con villania una superiorità intellettuale e culturale sulla giovane disegnatrice, cercando di innescare un cortocircuito: “Achille era gay e ammazzava centinaia di troiani, lo smalto ce l’hai tu nel cul0”. Peccato per il “Bansky di Torino” che Pubble non sia un’alfabeta funzionale – come egli presume – e che da archeologa sia appena un po’ più preparata del suo detrattore sull’argomento.

“Quanto t’ha detto male… Ignori che io sia laureata in arte grecoromana e che per 10 anni dopo la laurea io abbia approfondito, guarda un po’, proprio l’Iliade. E già… E MO’ TE SFONNO”.

E qui segue la lezione di quasi dieci minuti di storia greca, sulla figura di Achille e sugli usi e costumi sessuali degli antichi Greci che invitiamo tutti a seguire cliccando sul link (facebook non permette di postare l’intero video su una piattaforma wordpress).

I libri sono armi, non solo se li dai sui denti a chi non li legge.

E la morale di questa vicenda è che per parlare di questioni storico-culturali “bisogna studiare, bisogna averci voglia di conoscenza, leggere… guardarsi Netflix la sera non basta, e parlare per slogan non serve. Tocca che prendi un libro, il ditino, lecchi, apri il libro con l’altra mano, lo sfogli, poi guardi queste forme strane che sono le parole e allora, solo allora, forse forse ti potrei permette d’avere quell’arietta da me sento sto*****“.
E dal fantastico mondo di chi parla di storia senza averla studiata, è tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

DALLO STESSO AUTORE

Semmelweis: il medico che voleva salvare le mamme. E che fu cacciato dai suoi colleghi

A Vienna Filippo Semmelweis, medico ungherese di metà Ottocento, capì per primo che una maggiore igiene di chirurghi e ostetrici poteva evitare...

Coppa Volpi, quest’anno a Venezia niente polemiche

Quest’anno il conte Volpi di Misurata ha potuto dormire sonni tranquilli. L’industriale governatore della Tripolitania dal 1921 al 1925, e poi...

“Ogni riferimento è puramente casuale”. Ecco perché i Cingolani odiano la Storia

Il processo dura da decenni, ma motus in fine velocior, per cui non ci stupiamo se ora ciò che prima veniva solo...