Home Ultime notizie Il nipote di Mao nominato generale a soli 39 anni

Il nipote di Mao nominato generale a soli 39 anni

Mao Xinyu, unico nipote del “Grande Timoniere”, presto metterà la stella da generale diventando, a soli 39 anni, il più giovane alto ufficiale dell’esercito cinese. Mao Zedong, il nonno, ha lasciato anche due figlie, Li Ming (dalla terza moglie He Zizhen) e Li Na (dalla quarta moglie, Jiang Qing). Circa sessantenni, con problemi di stabilità psichica, secondo le indiscrezioni, le due donne però non contano nella visione rigidamente per linea maschile della cultura familiare cinese. La spietata critica sul web cinese ha reso noto ai circa 300 milioni di utenti di internet che il rampollo non era certo brillantissimo. All’università ci sarebbe arrivato per meriti di cognome, senza avere fatto i durissimi esami di selezione; in aula ci andava quando voleva, se voleva. Lo stesso è successo nell’Esercito dove non si è distinto per meriti particolari, se non quello di essere simpatico e gioviale. Al di là del nome, ultrarivoluzionario voluto dal nonno, il ragazzone ha un suo ruolo e una sua funzione grazie proprio all’eredità confuciana che il nonno per tutta la vita aveva cercato di distruggere con tutte le sue forze. L’unico vero motivo per cui è generale è perché i dirigenti e il popolo cinese rispettano il valore della famiglia e il valore della lealtà al sovrano, anche quando il sovrano non c’è più e quando in realtà non ce ne sarebbe bisogno. Così, in contraddizione con il proprio nome, Xinyu incarna il ritorno del vecchio mondo, i vecchi valori, la vecchia Cina imperiale, che doveva essere stata bruciata e distrutta durante 30 anni di sforzi rivoluzionari del nonno.

- Advertisment -

Articoli popolari

I grandi quadri che non abbiamo più trovato

Distrutti, in casa di miliardari, abbandonati, sappiamo solo quando sparirono agli occhi di quasi tutti: come quelli rubati nel celebre furto di...

La vera patria degli 007? La Venezia rinascimentale

Un saggio di Ioanna Iordanou racconta la "Serenissima" nascita dei servizi segreti di Matteo Sacchi da Il Giornale del...

La romanizzazione delle colonie in epoca fascista

Il destino di Roma? Civilizzare e pacificare le nazioni. Ma perché in epoca fascista si usava spesso il vocabolo “romanamente”? Semplicemente perché...

Cofrancesco: sulla Storia del ‘900 è gara a chi la spara più grossa…

di Dino Cofrancesco dal Huffington Post del 30 gennaio 2021 Il dovere della memoria nel nostro paese ―...