Home In libreria "Intrigo ad Asmara" per il maggiore Morosini di Giorgio Ballario

“Intrigo ad Asmara” per il maggiore Morosini di Giorgio Ballario

Palazzi, alberghi, caffè, cattedrali, cinematografi, distributori di benzina, farmacie, fabbriche, ville, fontane, piazze, grandi viali alberati: una vetrina architettonica in perfetto stile modernista — con spruzzate neoclassiche, decò, cubiste, futuriste— forma il centro storico di Asmara, capitale, sino al 1941, della “colonia primigenia” della defunta Africa Orientale Italiana e dal 1991 dell’Eritrea indipendente. Un gioiello urbanistico che miracolosamente ha superato guerre e spoliazioni — prima gli inglesi, poi gli etiopici — per entrare, polveroso ma quasi intatto, nel terzo millennio per essere inserito nel 2017 nella lista World Heritage dell’Unesco e dichiarato “patrimonio dell’umanità”.

Non a caso Giorgio Ballario ha scelto proprio la “piccola Roma” africana — di fatto il 56esimo sito Unesco d’Italia — come scenario del suo quinto romanzo dedicato alle avventure e alle indagini del maggiore Aldo Morosini, un giallo coloniale in piena regola. Come i precedenti lavori “africani” del maestro torinese la trama di “Intrigo all’Asmara” (edizioni del Capricorno, euro 13.00) si dipana nell’effimero impero coloniale mussoliniano, un panorama complesso che lo scrittore cerca di illuminare “alla maniera di Rembrandt”, ovvero tante oscurità e rari chiarori, in una ricostruzione minuziosa quanto obiettiva e storicamente inattaccabile.

Ma cosa accade al nostro maggiore? Arrivato sull’altopiano — Asmara è a 2300 metri sul mare — l’investigatore non ha tempo per godersi le comodità cittadine e si ritrova subito coinvolto nell’assassinio intrecciato di tre prostitute, una sorta di danza macabra sullo sfondo di una città moderna e frizzante e di circoli esclusivi e molto gaudenti. Un rebus senza soluzioni che gli farà rimpiangere l’afosa Massaua, sua precedente destinazione, e gli antichi amici (flirt compresi).

Ma Morosini è un tipo tosto e, tessera dopo tessera, ricostruisce un mosaico dai colori inquietanti. Al di là della retorica di regime, l’impero è tutt’altro che stabilizzato, la guerriglia anti italiana non si placa e la stessa linea di comando — affidata al maresciallo Graziani — è corrosa da veleni, ricatti, ambiguità. Ma non solo. Sull’esistenza stessa della colonia si riflettono le trame romane e attorno si attorcigliano le spire delle grandi potenze, Gran Bretagna in primis, per nulla entusiaste dell’intrusione mussoliniana nel “grande gioco”. Sapientemente Ballario proietta il suo protagonista in percorso tortuoso punteggiato da spie fasciste, donne fatali, congiurati comunisti e traditori gallonati, una dimensione sempre più opaca e inattesa sino al punto di svolta finale. Sorprendente e amaro. Chiuso il caso, al generoso Morosini (e ai suoi tanti lettori) rimarrà soltanto una cupa meditazione sulla giustizia.

di Marco Valle – da Confini & Conflitti

VUOI ACQUISTARE “INTRIGO ALL’ASMARA” SU LIBRERIA di STORIA? Clicca qui

- Advertisment -

Articoli popolari

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

“Leggenda esagerata le stragi dei Savoia. Meridione decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...

Le ombre del dopoguerra. Per una storia dell’Anpi (terza parte)

Visto il fallimento del sogno della rivoluzione proletaria, il Pci (e l’Anpi, di conseguenza) pensarono bene di dare alla resistenza comunista...