Home Ultime notizie La Polinesia chiede i danni a Parigi per i test atomici

La Polinesia chiede i danni a Parigi per i test atomici

Nel territorio oltremare della Polinesia francese, nel Pacifico, il parlamento locale si prepara a chiedere a Parigi rimborsi per 800 milioni di euro per i danni causati dai controversi test di armi nucleari condotti dalla Francia in atolli dell’arcipelago fra il 1966 e il 1996. Lo riferisce Radio New Zealand, secondo cui l’Assemblea legislativa, di base a Papeete, ha preparato una domanda di risarcimento di 745 milioni di euro per i 193 test condotti negli atolli di Mururoa a Fangataufa. Inoltre i deputati del partito di maggioranza, Tahieraa Huiraatira, che si oppone all’indipendenza dalla Francia, domandano altri 100 milioni di euro per la continua occupazione dei due atolli usati per i test e non ancora decontaminati e restituiti. La Polinesia francese è un territorio di oltre 100 isole e atolli, con un proprio governo, ma fa sempre parte della repubblica francese.

da ANSA del 25 novembre 2014 

VUOI SAPERNE DI PIU’ SUGLI ESPERIMENTI NUCLEARI? LEGGI STORIA IN RETE!

Storia in Rete n. 53 Storia in Rete n. 69-70

- Advertisment -

Articoli popolari

Putsch in the USA

Forse non tutti sanno che anche gli U.S.A., negli anni Trenta, hanno rischiato di finire sotto una dittatura militare. La storia...

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

Intervista a Messina: “Le stragi dei Savoia? Una leggenda esagerata. E il Meridione fu decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...