Home In primo piano “Le Iene” intervistano i politici sul il 17 marzo 1861

“Le Iene” intervistano i politici sul il 17 marzo 1861

Il Parlamento ha festeggiato solennemente la nascita dell’Italia unita nel 17 marzo 1861, la Lega scalpita, il Pd s’indigna, il Pdl invita alla riconciliazione, l’Udc fa sentire la sua voce. Insomma ognuno dice la sua: qualche parlamentare commemora anche eroi risorgimentali ormai dimenticati e invita a prendere esempio dalla storia patria.

.

da “Il Messaggero” del 17 marzo 2011 Il Messaggero

.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=U0a-RMeVwM4[/youtube]

.
Peccato, però, che siano molti i nostri parlamentari che della nascita dell’Italia ne sanno davvero poco. Le telecamere delle Iene, la trasmissione di Italia 1 in onda il 17 marzo scorso fanno visita a Montecitorio ed intervistano i deputati sulla nascita dello Stato italiano. Domande del tipo: «Cos’è successo il 17 marzo di 150 anni fa?»; «Perché Garibaldi è stato ribattezzato “l’eroe dei due mondi”?»; «In che anno Roma divenne Capitale?». Poche domande, ma in grado di mettere in crisi i parlamentari intervistati.

Sarà l’imbarazzo per l’invadenza delle telecamere, l’emozione per una domanda a bruciapelo o, forse, come dicono i diretti interessati, sarà il montaggio tv che li fa apparire ignoranti; ma è certo che parlamentari ed ex parlamentari non ci fanno una bella figura. «Il 17 marzo è stato un giorno storico; cosa è avvenuto?», domanda la “iena” Sabrina Nobile. «Di preciso non glielo so dire cosa è accaduto – abbozza il deputato Pdl Claudio Barbaro – La presa di Porta Pia non credo… o forse sì? Forse la presa di Porta Pia. Di preciso il 17 marzo non so cosa sia accaduto».

E prima dell’Unità com’era la situazione? «C’era il Regno delle due Sicilie», risponde stavolta sicuro Barbaro. Ma chi c’era? «I Savoia. No, perdoni, il Regno di Sardegna». E al Sud? «I Borboni. Ho fatto confusione. Quindi non vado in onda perché ho risposto a parecchie domande?».

Non va meglio all’ex deputato Vincenzo Alaimo. «Il 17 marzo preciso io non lo ricordo con molta chiarezza però per averlo scelto vuol dire che c’è stato qualcosa di importante, di storico che va realizzato e va ricordato», ammette con imbarazzante candore. E chi regnava nel Regno di Sardegna? «Chi regnava? – risponde – Mi fa delle domande storiche che ovviamente io ho dimenticato. Chi poteva essere? Me lo dica così io imparo».

Perché Garibaldi venne chiamato l’eroe dei due mondi? «Dei due mondi – spiega – perché praticamente erano due mondi diversi che venivano realizzati in un’unica struttura, geografica e anche politica». Quali? «Il Nord e il Sud di allora», dice dimenticando le imprese garibaldine in Sudamerica.

Le “perle” sono tante e di tanti: da «Camillo Benso Conte di Cavour che si è insediato e che come primo presidente è stato lui a fare questa operazione che ci ha portato ad avere questo paese»; a «Roma diventata capitale d’Italia con la presa di Porta Pia il 20 settembre del 1860».
L’unico a salvarsi nelle interviste proposte è il sindaco di Firenze, Matteo Renzi: «Roma divenne Capitale nel 1871 perché nel 1870 ci fu la breccia di Porta Pia».

_________________________

Per saperne di più

Guarda anche l’altra intervista de “Le Iene” sulla cultura storica dei nostri politici:
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=654_KdngiGc&feature=player_embedded[/youtube]

____________________________

Inserito su www.storiainrete.com il 21 marzo 2011

- Advertisment -

Articoli popolari

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

“Leggenda esagerata le stragi dei Savoia. Meridione decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...

Le ombre del dopoguerra. Per una storia dell’Anpi (terza parte)

Visto il fallimento del sogno della rivoluzione proletaria, il Pci (e l’Anpi, di conseguenza) pensarono bene di dare alla resistenza comunista...