Home In libreria Ma da quando - e perché - siamo diventati così suscettibili?

Ma da quando – e perché – siamo diventati così suscettibili?

Uno sguardo ironico su un aspetto tragico e preoccupante della nostra epoca. Un libro di storia che non vorrebbe parare di storia ma che non può farlo perché, di fatto, molta della suscettibilità estrema di oggi si basa su letture forzate del passato. Basta un niente: una canzone di cinquant’anni fa, un film ambientato a metà dell’Ottocento, una battuta di oggi – eccola che arriva, l’indignazione di giornata, passatempo mondiale, monopolizzatrice delle conversazioni e degli umori. Ogni mattina l’essere umano contemporaneo si sveglia e sa che, al mercato degli scandali passeggeri, troverà un offeso fresco di giornata, una nuova angolazione filosofica del diritto alla suscettibilità, un Robespierre della settimana. La morte del contesto, il prepotente feticismo della fragilità, per cui «poverino» è diventato l’unico approccio concesso, e l’epistemologia identitaria, per cui l’appartenenza prevale su qualunque curriculum di studioso, sono solo alcuni tra i fenomeni più evidenti e dirompenti degli ultimi anni, con effetti pericolosi e grotteschi che in altri secoli erano occasionale damnatio memoriae e ora sono quotidiana cancel culture. Guia Soncini si interroga sulle origini di quest’eterno presente in cui tutto ciò che non ci rispecchia alla perfezione sembra una violazione della nostra identità. Ricorda le opere che avevano previsto la dittatura del perbenismo, dal solito Orwell al romanzo di Philip Roth La macchia umana, «la matrice di tutti i disastri d’incomprensione e suscettibilità»; contesta il ruolo dei social come amplificatori di dissenso e indignazione; individua alcune preoccupanti implicazioni politiche: se a sinistra si perde la capacità di non considerare la fine del mondo ogni parola sbagliata, che ne sarà della libertà d’espressione? Rimarrà solo alla destra lo spazio per dire di tutto, e non passare le giornate a sentirsi feriti da ogni maleducazione?

Puoi acquistare “L’era della suscettibilità” su LIBRERIA DI STORIA – clicca quì

- Advertisment -

Articoli popolari

Congiure, spie, attentati. La lunga strada verso la caduta del Fascismo

di Matteo Sacchi da Il Giornale del 16 luglio 2021 Alle 2 e 30, nella notte del 25...

Analisi del DNA e conferenze: Colombo era italiano o iberico?

Dal "Guardian" del 20 maggio 2021 - traduzione via Dagospia Cristoforo Colombo era italiano? Per cercare di rispondere...

“Quando eravamo noi ad emigrare”. Come strumentalizzare un luogo comune per giustificare l’immigrazione clandestina

Quante volte abbiamo sentito lo slogan “quando eravamo noi ad emigrare” per giustificare il traffico di esseri umani nel Mediterraneo? Infinite...

Carlo V contro Machiavelli e il Papa. Così “l’Europa” schiacciò l’Italia

Di Antonio Socci dal blog "Lo Straniero" del 9 luglio 2021 La liberazione dell’Italia dal dominio straniero e la sua unificazione –...