Home Stampa italiana 1 Parigi celebra il genio rinascimentale di Botticelli

Parigi celebra il genio rinascimentale di Botticelli

Redazione ANSA PARIGI 9 settembre 2021

Parigi rende omaggio al genio rinascimentale di Sandro Botticelli (1445-1510) e all’attività della sua bottega. “Botticelli: artista e designer”: questo il titolo della mostra che si aprirà dal 10 settembre fino al 24 gennaio 2022 al Musée Jacquemart-André, tra i musei più belli e prestigiosi della capitale, tra il Parc Monceau e l’Arco di Trionfo.

A vent’anni dall’ultima retrospettiva parigina consacrata a Botticelli, l’esposizione si articola intorno ad una quarantina di opere del Maestro del Quattrocento – dai suoi inizi nella bottega di Filippo Lippi fino agli ultimi dipinti – ma anche alcune opere di artisti suoi contemporanei sui quali ebbe una particolare influenza. “Un ritorno ai fondamentali”, dice la curatrice, Ana Debenedetti, storica specializzata in arte fiorentina e del Rinascimento, citata dalla France Presse.

Come i suoi contemporanei e coloro che gli sono succeduti, Botticelli ha ampiamente attinto nell’immaginario mitologico e religioso. Ma soprattutto, ricorda la Debenedetti, Botticelli è il pittore che ha creato, rilanciandolo nella contemporaneità, il nudo femminile, con le sue rappresentazioni di Venere. “Un lavoro quasi rivoluzionario per l’Italia e l’Europa del Quattrocento”, dice l’esperta. Obiettivo della ‘mostra-evento’ – così l’hanno definita gli organizzatori – è presentare Botticelli nel suo ruolo di artista, ma anche di imprenditore e maestro, attraverso la sua celebre bottega divenuta un “laboratorio di idee” nella Firenze del Quattrocento. Amatissimo in vita e protetto dai Medici, Alessandro Filipepi, detto Sandro Botticelli, nacque nel 1445 a Firenze. Dopo la morte, nel 1510, passerà però nel dimenticatoio, soppiantato da Michelangelo e Raffaello. Un oblio che durerà per quattro secoli fino al XIX/o secolo, quando dipinti come ‘La Nascita di Venere’ o ‘La Primavera’ verranno finalmente riscoperti e acclamati come capolavori assoluti simbolo di vita, di rinascita e Rinascimento. Esposte alla Galleria degli Uffizi, queste due opere non saranno presenti a Parigi, ma l’esposizione allestita su base cronologica presenterà diverse tele come ”La Bella Simonetta” o due ”Venere Pudica” e numerosi disegni. Il Musée Jacquemart-André ha potuto contare sui prestiti di prestigiose istituzioni europee come il Museo del Louvre, la National Gallery di Londra, il Rijksmuseum di Amsterdam, I Musei e la Biblioteca vaticana, il Museo degli Uffizi e il Museo del Bargello di Firenze, la Galleria Sabauda di Torino, la Galleria dell’Accademia di Venezia, la Gemäldegalerie di Berlino, l’Alte Pinakothek di Monaco e lo Städel Museum di Francoforte. (ANSA).

- Advertisment -

Articoli popolari

Svelate finalmente le origini degli Etruschi grazie all’esame del DNA

Una ricerca internazionale ha appurato la natura italica degli Etruschi, escludendo un loro arrivo “recente” dalle regioni orientali. Resta però il mistero...

USA, attacco al Columbus Day: “Gli italiani celebrano un genocida”

Come volevasi dimostrare, la vittoria democratica alle elezioni presidenziali USA si è rivelata un volano formidabile al tritacarne della cancel culture....

Maria Vittoria Aradam, la vera “Faccetta nera”

Guerra d’Etiopia, 15 febbraio 1936, 100 km da Addis Abeba, vetta dell’Amba Aradam. Il combattimento più duro della guerra italo-abissina. La...

Bugie coloniali: propaganda e verità sull’Italia in Africa

Già il sottotitolo dice quasi tutto: "Leggende, fantasie e fake news sul colonialismo italiano". Infatti, "Bugie coloniali" (Eclettica Editore, pp. 156,...