Home Ultime notizie Riccardo III: sarà mappato il Dna del re inglese «shakespeariano»

Riccardo III: sarà mappato il Dna del re inglese «shakespeariano»

Spietato, ambizioso, manipolatore, ma anche insicuro, tormentato, irrequieto. E brutto, sgradevole e malfatto: ecco come il testo shakespeariano ha tramandato la figura di Riccardo III d’Inghilterra. Ma ora la mappatura del suo genoma, che verrà eseguita da un’équipe dell’Università di Leicester, ci dirà esattamente come era questo monarca tanto odiato da essere immaginato anche fisicamente disarmonico, ma che passerà alla storia come il primo personaggio storico il cui Dna verrà interamente sequenziato. Inoltre, come specificano i ricercatori, il procedimento consentirà di acquisire importanti informazioni sulla condizione clinica del re e avrà un significativo impatto sull’analisi della componente ereditaria di alcune patologie.

di Emanuela Di Pasqua dal Corriere della Sera del 14 febbraio 2014 

CREDENZE O VERITÀ – Aveva veramente il braccio avvizzito e la schiena ricurva, soffriva di scoliosi? E di che colore aveva i capelli? E gli occhi? Aveva una propensione all’Alzheimer o al diabete ed era intollerante al latte? A queste altre domande potremo presto rispondere, con l’evidenza scientifica che un esame genetico è in grado di poter regalare alla verità storiche. Riccardo III, grazie anche all’omonimo dramma di Shakespeare (influenzato a sua volta da Tommaso Moro) è passato infatti alla storia come un re odiato, sanguinario e come una figura negativa che persino fisicamente, grazie a un aspetto deforme, suggeriva un animo sinistro. Ma la storia, si sa, la fanno i vincitori e ciò che viene tramandato non sempre è oggettivo. Ma la verità è che nulla si sa di oggettivo riguardo al re d’Inghilterra e signore d’Irlanda, e solo la scienza può rispondere imparzialmente.

SEQUENZIAMENTO REGALE – Gli scienziati di Leicester, dopo avere ritrovato lo scheletro sepolto sotto un parcheggio, sequenzieranno il Dna e si saprà esattamente come era il discusso dinasta, al di là delle leggende e delle ricostruzioni storiche. Riccardo III era stato sepolto in una tomba senza nome nel giardino del convento dei Grayfriars, dove ora sorge un parcheggio, che gli archeologi stavano esplorando. Ora i resti verranno interrati nella cattedrale di Leicester, rispettando la tradizione archeologica che stabilisce la sepoltura dei resti ritrovati nel suolo consacrato più prossimo al ritrovamento.

IL RITROVAMENTO – Il 4 febbraio 2013, gli esperti dell’Università di Leicester guidati da Richard Buckley, confermavano che il corpo riesumato nel mese di settembre 2012 apparteneva proprio a Riccardo III, ultimo re d’Inghilterra della dinastia dei Plantageneti, morto a 32 anni per le ferite riportate nella battaglia di Bosworth Field, il 22 agosto 1485, scontrandosi con la casata dei Lancaster, guidata da Enrico Tudor. Combinando le conoscenze storiche con l’esame medico sui resti e la ricerca genetica, gli scienziati dell’università potranno giungere a un’immagine molto precisa del sovrano inglese, la cui fama negativa è spesso riconosciuta dagli storici come esagerata. E forse, con un ritardo di quasi seicento anni, riusciranno anche a riabilitarlo e a migliorare la sua reputazione, in parte sicuramente compromessa dalla propaganda dei Tudor. Almeno fisicamente.

- Advertisment -

Articoli popolari

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

“Leggenda esagerata le stragi dei Savoia. Meridione decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...

Le ombre del dopoguerra. Per una storia dell’Anpi (terza parte)

Visto il fallimento del sogno della rivoluzione proletaria, il Pci (e l’Anpi, di conseguenza) pensarono bene di dare alla resistenza comunista...