Archivio: ‘ Renzo De Felice ’

Storia in Rete n. 151, maggio 2018

9 maggio

Carteggi segreti e carteggi ignorati. La documentazione lasciata a Renzo De Felice dall’agente segreto Bruno Puccioni e finalmente analizzata da Roberto Festorazzi apre a nuovi scenari e dà nuove e potenti conferme a molte delle piste alternative alla vulgata sulle …

Vite parallele: De Felice e Saitta censurati dall’ideologia

27 maggio

Vite diverse che si incrociarono e scontrarono più volte quelle di Armando Saitta e Renzo De Felice, prima di ricomporsi in una coabitazione pacifica e rispettosa presso la Facoltà di Scienze Politiche della Sapienza di Roma. Vite inizialmente segnate da …

De Felice, l’uomo che restituì il Fascismo all’Italia. E alla Storia

24 maggio

Renzo De Felice scriveva male e parlava peggio. I suoi testi sul Fascismo sono farraginosi, pieni di incisi, a volte involuti e dispersivi. Lo notava con elegante crudeltà non un suo nemico ma un inarrivabile maestro di scrittura che gli …

“La Pista Inglese”, un’indagine sempre attuale sulla fine del Duce

30 dicembre

Il 2 gennaio, nelle edicole, allegato a “Il Giornale”, sarà possibile trovare l’ottavo volume della monumentale opera di Renzo De Felice su Mussolini e il Fascismo, dedicata a «La guerra civile 1943-54». Allegato al corposo volume del grande storico, i …

Il Carteggio Mussolini-Churchill e le “polpette avvelenate”

23 settembre

Le arroventate polemiche sull’esistenza del carteggio Churchill-Mussolini sono come un fiume carsico che ogni tanto riaffiora in superficie. A dare fuoco alle polveri, ora, è Mimmo Franzinelli, con il suo nuovo libro L’arma segreta del Duce (Rizzoli), in libreria da …

Einaudi, De Felice e l’egemonia culturale rossa negli anni ’50-’60

16 dicembre

A Torino, in Via Biancamano, attorno a Giulio Einaudi alle riunioni del mercoledì si affollavano intellettuali di varia provenienza, per lo più azionista e marxista. Fra redattori interni e accademici d’alto lignaggio, si progettavano collane, edizioni, traduzioni d’ogni genere culturale …

Il silenzio degli intellettuali: quando la StaSi spiò De Felice

14 dicembre

Stasi. Un acronimo da Ministerium fur Staatsicherheit che evoca un’istintiva angoscia, che risuona come un ordine secco che impone immediata obbedienza. E che indica forse il peggior Moloch della già livida Germania comunista (Ddr), quella dei drammi del “Muro”, delle …

Simoncelli: “sulla morte del Duce ora sappiamo cosa non quadra”

5 ottobre

Mussolini. Una morte da riscrivereRipartiamo da De Felice; addirittura fin dal Mussolini il rivoluzionario (1966), nella cui prefazione Cantimori in merito alla morte di Mussolini poteva già rinviare all’«ultimo volume» dell’intera opera di De Felice in cui sarebbero stati forniti «documenti e particolari tali» …

Quel fascista scomodo che nel dopoguerra sognò un’altra destra

25 settembre

Enzo Erra non sognava affatto una destra antimoderna, come ha scritto ieri il Corriere della Sera. Enzo Erra sognava piuttosto un’altra modernità, più spirituale ed eroica. Non era antimoderno, più semplicemente era fascista, a babbo morto. Appartenne a quella …