Home Storia Antica Trovati i «cento valorosi» che difesero Himera dai cartaginesi

Trovati i «cento valorosi» che difesero Himera dai cartaginesi

Scoperta straordinaria a Himera: sono stati ritrovati cento giovani soldati morti in due differenti battaglie infuriate davanti alle mura della città, nel 480 e nel 409 avanti Cristo contro i cartaginesi. I resti dei giovani uomini erano stati sepolti in diverse fosse comuni contenenti fino a 59 cadaveri. Corpi di guerrieri che mostrano i segni delle lance che li uccisero.

.

Martina Calogero da ArcheoRivista

.

Grazie alle ricerche di Stefano Vassallo la colonia greca della Sicilia, nei pressi di Termini Imerese, torna alla ribalta, raccontando la sua storia e svelando i misteri della morte violenta dei valorosi uomini che la difesero. I corpi dei cento eroici guerrieri sono stati scoperti nel corso di un accurato lavoro di scavo svoltosi da settembre 2008 a dicembre 2010. Lo scavo ha restituito una necropoli con oltre novemila sepolture di imeresi che vissero tra il sesto e il quinto secolo. Testimonianze di importanza straordinaria che permettono di comprendere come vivevano le colonie greche siciliane in quell’epoca e che saranno valorizzate nella struttura museale del Parco Archeologico di Himera, diretta da Francesca Spatafora.

La colonia greca di Himera venne fondata nel 648 a.C. da calcidesi provenienti da Zancle, la moderna Messina, e da esuli di Siracusa. Oggi riemergono i corpi dei guerrieri che morirono difendendo la colonia dalla grande avanzata dei cartaginesi che intendevano conquistare l’isola. Uno straordinario ritrovamento effettuato grazie ai lavori di scavo diretti dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Palermo, guidata da Gaetano Gullo. A quell’epoca, infatti, i cartaginesi tentarono di fare conquiste territoriali e con la vittoria del 480 a.C. le colonie greche siciliane vissero un periodo di espansione demografica e di prosperità. Non è un caso se alcuni dei più importanti santuari greci in Sicilia, come quello di Agrigento e quello di Selinunte, vennero costruiti dopo questa vittoria che arginò l’avanzata dei cartaginesi sull’isola. Un tentativo che, qualche decennio più tardi, i cartaginesi rimisero in atto, distruggendo Himera attorno al 409 a.C.

________________________

Inserito su www.storiainrete.com l’11 febbraio 2011

- Advertisment -

Articoli popolari

Putsch in the USA

Forse non tutti sanno che anche gli U.S.A., negli anni Trenta, hanno rischiato di finire sotto una dittatura militare. La storia...

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

Intervista a Messina: “Le stragi dei Savoia? Una leggenda esagerata. E il Meridione fu decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...