Home Stampa estera USA, "antirazzisti" peggio dell’ISIS: calci alla statua confederata

USA, "antirazzisti" peggio dell’ISIS: calci alla statua confederata

Durham, 16 ago – Uno scempio, una furia iconoclasta degna dell’Isis. Guardando le immagini degli antifa impegnati ad abbattere e prendere a calci la statua di un soldato confederato a Durham in North Carolina, il paragone con distruzione dei reperti archeologici di Ninive o dei templi di Palmira da parte del Califfato viene automatico.
Di Davide Romano dal Il Primato Nazionale del 17 agosto 2017
Il fatto è avvenuto lunedì scorso. L’abbattimento della statua posta di fronte al tribunale di Durham nel 1924, rappresentante un soldato confederato con sotto la scritta “in memoria dei ragazzi che indossarono il grigio”, era stato ordinato dalle autorità locali.
Gli “antirazzisti” però, hanno pensato bene di indire una mobilitazione e di abbattere loro stessi la statua. Una volta caduta in terra hanno pensato bene di “infierire” riempiendola di calci e sputi.
[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=mvkvfV5bCPU[/youtube]
 
ULTIM’ORA: Trump contro la rimozione delle statue sudiste: «La storia e la cultura del Paese fatte a pezzi»

- Advertisment -

Articoli popolari

Putsch in the USA

Forse non tutti sanno che anche gli U.S.A., negli anni Trenta, hanno rischiato di finire sotto una dittatura militare. La storia...

5 Maggio 1936, Badoglio entra vittorioso in Addis Abeba. L’Etiopia agli occhi dell’Europa di allora

Addis Abeba, 5 Maggio 1936 - Ottantacinque anni fa il Maresciallo Badoglio, “alle ore 16, alla testa delle truppe vittoriose”, entrava in Addis...

Intervista a Messina: “Le stragi dei Savoia? Una leggenda esagerata. E il Meridione fu decisivo nel Risorgimento”

L'autore di "Italiani per forza": "Il Sud partecipò con tutti i ceti sociali" di Luigi Mascheroni da Il Giornale...

Napoleone senza maschera. In edicola il nuovo speciale di Storia in Rete

Alla vigilia dell'anniversario dei 200 anni dalla morte dell'Imperatore (5 maggio 1821) è in distribuzione nelle edicole e sulla piattaforma "Ezpress.it"...